DisegniExtraPrimo Piano

George Birch il becchino distratto

Grottesco, tragico, assurdo, macabro e ironia si contrappongono e si conciliano nel racconto fantastico Nella cripta, di Howard Philips Lovecraft, maestro dell’orrifico.


Il racconto narra di un evento inesplicabile che segna la vita di George Birch, il becchino di Peach Valley.


Però, quello che il destino ha in serbo per Birch è molto più che il frutto di uno sfortunato e tragico evento voluto dal caso ma una punizione che sembra sottostare alla rigida legge del taglione.


Forse il rimorso per un’ etica professionale, a volte venuta a mancare, ha contribuito a dipingere l’evento come soprannaturale e fuori dal comune.


Stupida superstizione o sconosciute forze dell’ignoto?


L’unica certezza è la figura di Birch: stereotipo perfetto del becchino “rude”, come spiega Lovecraft, “ma non cattivo in fondo”.

(…)era uno zotico, sia nel carattere che nel fisico, un distratto, uno scriteriato ed un alcolizzato, come l’incidente che avrebbe potuto ampiamente prevenire dimostra, e senza quel minimo di buon senso che basta a non superare il normale decoro.


Il suo animo, protetto da uno scudo di apatia, sembra non accusare il dolore per la morte. Ma il destino che lo attende riuscirà a recidere il metaforico scudo.


E qualcos’altro.


Ma cosa ha fatto Birck per meritarsi un destino tanto brutale?

Enza Galiano

Paura di essere rinchiuso in un bara? Allora forse soffri di tafofobia!

Enza Galiano

Sono Vincenza Galiano. Ma suona meglio Enza. Amo disegnare e già da piccola riempivo di mostruosi scarabocchi le agende di papà e i fazzoletti da cucina di nonna. Oggi frequento l'Accademia di belle arti di Napoli. Continuo ad imbrattare fogli e tutto ciò che mi trovo sotto mano con la speranza di fare dell'illustrazione il mio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button