trovatori

  • Primo PianoPhoto of Soddisfami, te lo dico con un plazer

    Soddisfami, te lo dico con un plazer

    Il plazer è un procedimento retorico con cui i trovatori elencano cose che gradiscono o si augurano di ricevere. Il primo trovatore Guglielmo IX, conte d’Aquitania, lo usa nella canzone Farai un vers por mi sonelh, dove descrive i piaceri offerti da

    VISUALIZZA TUTTO
  • SocialePhoto of La sestina e le catene dell’amore

    La sestina e le catene dell’amore

    La sestina è una canso formata da sei coblas (per scoprire cos’è una coblas clicca qui) di sei endecasillabi e un congedo di tre. I sei endecasillabi terminano con parole diverse, non rimano all’interno della cobla ma si ripetono identiche in quelle

    VISUALIZZA TUTTO
  • SocialePhoto of Uno spettacolo improvvisato

    Uno spettacolo improvvisato

    di Federica Auricchio  Signore e Signori, Ladies and Gentlemen, Madame et Monsieur, buonasera! Stasera, sul palco del nostro spettacolo improvvisato, apparirà la STAR della lirica provenzale, il poeta occitano più famoso di tutti i tempi, ecco a voi…

    VISUALIZZA TUTTO
  • SocialePhoto of L’ultima volta che esco con te! Battisti e il disamore

    L’ultima volta che esco con te! Battisti e il disamore

    di Federica Auricchio Avete mai ascoltato Dolce di giorno di Lucio Battisti? No? Be’ cosa aspettate! Accendete Spotify, aprite Youtube, trovate la cassetta del vostro papà… mettete le cuffiette… suono di chitarra, armonica e…

    VISUALIZZA TUTTO
  • SocialePhoto of Fabrizio De André – Un trovatore con la chitarra

    Fabrizio De André – Un trovatore con la chitarra

    Spesso Fabrizio De André viene definito poeta, anche se lui preferiva chiamarsi cantautore. In effetti, la musica del genovese è strettamente legata alle sue parole e questo binomio inscindibile non può non ricordare le canso dei trovatori. Fabrizio

    VISUALIZZA TUTTO
  • SocialePhoto of Canzoni e parodie

    Canzoni e parodie

    di Federica Auricchio   Nel sud della Francia, tra l’XI e il XII secolo, i trovatori componevano canzoni che menestrelli e giullari cantavano di corte in corte. Questo mondo di cavalieri era fatto di regole a prima vista formato solo da cose bel

    VISUALIZZA TUTTO
  • Primo PianoPhoto of L’eco delle canzoni occitane

    L’eco delle canzoni occitane

    “Pecché sta primmavera, a te me fa’ penzà, chissà addo staje stasera, si m’aje scurdato già” cantava il chitarrista napoletano Pino Daniele, che con le sue canzoni ha fatto e farà ancora sognare. Perché si sa, quando si ama è

    VISUALIZZA TUTTO
  • IntrattenimentoPhoto of La fin’amor e le sue regole

    La fin’amor e le sue regole

    “Ben volria mon cavallier                  Tener un ser en mos bratz nut, Q’ el s’en tengra per ereubut Sol qu’a lui fezes cosseillier”                                             “Vorrei il mio cavaliere                                            St

    VISUALIZZA TUTTO
  • Sociale

    Uno strano bisogno di uova

    di  Federica Auricchio Cos’è l’amore? Per cercare la risposta possiamo ricorrere alla poesia. L’amore: da Catullo ai poeti elegiaci L’amore è spesso materia per il canto poetico ma non sempre viene vissuto idilliacamente, anzi di tormentati e strugge

    VISUALIZZA TUTTO
  • #PILLOLADICULTURAPhoto of L’amante pellegrino

    L’amante pellegrino

    Jaufré Rudel fu un trovatore occitano che cantò di un Amor de lonh, cioè di un amore di lontano. Janfré, dopo aver sentito parlare molti pellegrini provenienti dalla Siria della bellissima Contessa Melisenda di Tripoli finì per innamorarsene. Decise

    VISUALIZZA TUTTO
Back to top button