“L’amore rende felici, non rompe le costole”

di Martina Casentini   Vorrei tanto che a scrivere questo articolo fosse un uomo. Non perché denigro le donne. Non

Leggi il seguito

Mark Chapman: diario di un assassino

di Francesco Ferdinando Veneruso  La mente di un assassino funziona davvero in modo deviato, o diverso dal normale? Il male è qualcosa di innato, o sono le vicissitudini della vita, a generare in persone apparentemente equilibrate, deviazioni mentali che agli occhi degli altri appaiono in quanto tali, ma che nella mente afflitta da tali sofferenze, sono in realtà le normali conseguenze di un lucido, seppur drastico ed esasperato, ragionamento logico. Solo inoltrandosi nella mente di un assassino, di un presunto “folle”, si potrà comprendere il ragionamento logico che lo ha condotto fino a compiere un tale gesto. Proviamo a entrare nella mente di uno dei più famosi assassini della storia: Mark Chapman si dimostra sin da piccolo un ragazzo particolare.

Leggi il seguito

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi