Primo PianoSociale

Cinque canzoni italiane che raccontano eventi di cronaca e di storia

La musica, come diceva Bob Marley, colpisce e non fa male. Però colpisce.

Siate curiosi.

Risveglio felice e lento, il mio. Oggi si legge e si fa la memoria. Ho la forza di vedere il bello. È incredibile come eventi storici e di cronaca rimangano impressi negli occhi e nella mente delle persone. Eventi che hanno letteralmente cambiato il volto del nostro paese. Un percorso, se volete chiamatela pure playlist, che racconta la storia. Ho fatto fatica a sceglierle. Solo per voi. 

Alfredo | Baustelle

“Il cielo è un punto, non lo vedo più

L’uomo ragno m’ha tirato un polso 

Si è spezzato l’osso ora

Dormo oppure sto sognando”

La canzone narra del tragico avvenimento di quarant’anni fa a Vermicino, quando il piccolo Alfredino Rampi cade in un pozzo dove lotta per la vita per sessantatré ore. La tragedia viene documentata in diretta dai media, e i vani tentativi di salvataggio del bambino portano la consapevolezza dell’esigenza di un servizio pubblico per la gestione delle emergenze: nasce così la Protezione Civile.

La nevicata del ‘56 | Mia Martini

“E Roma era tutta candida

Tutta pulita e lucida

Tu mi dici di sì

E l’hai più vista così

Che tempi quelli”

Mia Martini nel 1990 porta a Sanremo questa canzone aggiudicandosi il premio della critica. Nel testo si narra della grande ondata di freddo che colpisce l’Italia nel 1956. La nevicata della fine degli anni 50 viene ricordata come la nevicata del secolo e nelle parole della canzone vengono fuori tutte le emozioni e i ricordi di quel tempo, tradotti dalla grande interpretazione di Mia Martini.

La canzone di Marinella | De André

“Questa è la tua canzone, Marinella

Che sei volata in cielo su una stella

E come tutte le più belle cose 

Vivesti solo un giorno, come le rose”

La canzone racconta un fatto di cronaca nera del 1953 che aveva catturato l’attenzione dei media. Sembra essere dedicata a una ragazza del sud emigrata a Milano e in cerca di lavoro, che per via di un amore folle lascia il lavoro di operaia ed entra nel mondo dello spettacolo, trovandosi in un giro di prostituzione che la porta alla morte. De André ha dichiarato: “Ho cercato di reinventarle una vita e di addolcirle la morte.”

Balla balla ballerino | Lucio Dalla

“Per la mia commozione 

c’è una ragazza al finestrino 

Gli occhi verdi che sembrano di vetro

Corri e ferma quel treno fallo tornare indietro”

2 agosto 1980, Bologna, stazione centrale. Ventitre chili di esplosivo fanno crollare l’ala ovest della stazione, muoiono 85 persone e ne rimangono ferite 200. Nel settembre dello stesso anno, Lucio Dalla pubblica Balla balla ballerino, una canzone che da un’immagine romantica e a tratti folle della strage. Un ballerino incitato a ballare costantemente e non fermarsi.

Pierre | Pooh

“E scusami

Se non ti ho riconosciuto però

Sotto il trucco gli occhi sono i tuoi 

Non ti arrendi a un corpo che non vuoi sentire”

Scritto nel 1976 da Roby Facchinetti e Valerio Negrini, resta uno dei pezzi più significativi del repertorio dei Pooh. Il brano è un inno contro i pregiudizi, l’omofobia e la transfobia. Un discorso delicato, all’epoca. Una presa di posizione matura e coraggiosa, che spalancava le porte all’apertura mentale dei giovani. Il testo parla di un ragazzo, Pierre, che ha un aspetto che salta subito all’occhio degli altri compagni, per diversità, per modo di essere particolare rispetto agli altri, e per questo viene discriminato. 

Ripropongo. Siate curiosi. Sempre.

Francesca Scotto di Carlo

Vedi anche: Cinque canzoni d’amore che non conosci

Francesca Scotto di Carlo

Francesca Scotto di Carlo classe ‘93 è una scrittrice laureanda in lettere. Frequenta ancor prima la facoltà di medicina e chirurgia ed è proprio nei corridoi degli ospedali che emerge il bisogno di stravolgere tutto. Una scelta di cuore e niente può fermarla. Scrivere è la sua missione e solo i libri possono indicarle la strada. A gennaio 2019 viene pubblicato il suo primo romanzo, Difendi il coraggio dell'amore. Oggi vive nella sua Napoli e lavora in collaborazione coordinata e continuativa nel settore della comunicazione e dell'editoria. Next stop: Il sogno continua, il secondo romanzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button