#PILLOLADICULTURAExtraPrimo Piano

Quella volta che piovevano pesci

Esiste una città in Honduras dove piovono pesci e no, non è un racconto per bambini.

Si tratterebbe di un fenomeno meteorologico vero e proprio, che si verifica nella città di Yoro tra i mesi di maggio e luglio.

Gli abitanti sanno quando sta per arrivare perché la pioggia miracolosa è anticipata da nubi nere e dense, seguite da tuoni e fulmini. Poi arriva la pioggia torrenziale che dura dalle 2 alle 3 ore, proprio come una di quelle tempeste tropicali. Una volta cominciata la pioggia, ci sono migliaia di pesci sparsi al suolo, ancora vivi.

Nello specifico si tratta di piccoli pesci d’acqua dolce, raccolti soprattutto dai bambini che aspettano l’evento come un’occasione per fare a gara a chi ne raccoglie di più. 

Al momento nessuna spiegazione scientifica riesce a giustificare questo evento. Alcuni esperti ritengono che la pioggia di pesce potrebbe essere dovuta a una tromba d’aria che ha letteralmente “raccolto” il pescato e poi lo ha riversato a terra. Altri pensano che l’abbondanza di pioggia faccia emergere dal terreno, attraverso piccole cavità, i pesci che vivono nel sottosuolo. 

Ma c’è anche chi associa il fenomeno al miracolo di Padre José Manuel Subirana, un missionario spagnolo che ha visitato l’area nel 1860 e ha pregato per i poveri della regione che soffrono la fame, chiedendo a Dio di fornire loro cibo.

Copertina: YouTube via allthatsinteresting.com

Leggi anche: Ma gli animali hanno coscienza di se stessi?

La Redazione

Ciao! Sono la Redazione de La Testata – Testa l’informazione. Quando non sono impegnata a correggere e pubblicare articoli mi piace giocare a freccette con gli amici.
Back to top button