#PILLOLADICULTURAExtraPrimo Piano

Assaggiare con i piedi non è mai stato così naturale

Potremmo dire di aver assaggiato un barattolo di miele con le dita, con gli occhi, con il naso o con un cucchiaino, ma con i piedi?

Parlando di farfalle che mangiano e assaggiano, le farfalle adulte possono nutrirsi solo di liquidi, motivo per cui il loro apparato boccale è fatto apposta per bere, ma non per masticare solidi.

Una proboscide, che funziona proprio come una cannuccia, rimane attorcigliata sotto il mento della farfalla fino a quando non trova una fonte di nettare, la parte liquida e zuccherina presente all’interno dei fiori o altro nutrimento liquido da succhiare, a pasto trovato la lunga cannuccia si stende ed è così pronta per mangiare. 

Ma c’è un’altra cosa che stupisce delle farfalle ed è quella di avere i recettori del gusto sui piedi (o zampe) per riuscire a trovare subito le piante giuste su cui soffermarsi, tamburellando le foglie fino a quando l’ospite non rilascia i suoi succhi. 

Riescono a distinguere la tipologia della pianta, tastando con le zampe le foglie (un po’ come quando noi infiliamo un dito nella torta). Sulle zampe sono presenti dei sensori che indicano alla farfalla se la pianta su cui si è posata, ad esempio, è “buona” o no per deporre le uova.

Vedi anche: Un giorno a Delft. Canali, fiori e ceramiche blu

La Redazione

Ciao! Sono la Redazione de La Testata – Testa l’informazione. Quando non sono impegnata a correggere e pubblicare articoli mi piace giocare a freccette con gli amici.
Back to top button