#PILLOLADICULTURAExtraPrimo Piano

Il primo test di gravidanza è made in Egitto

Ebbene sì, il primo test di gravidanza è stato creato in Egitto e risale a più di 3500 anni fa

La sua efficienza era del 70% e consisteva nel far urinare le donne su semi di grano e orzo. Se fossero cresciute delle piantine avrebbe significato che la donna era incinta. 

Ma non finisce qui: sembra, infatti, che confrontando i due tipi di cereali si potesse addirittura stabilire il sesso del nascituro. Maschio se fossero cresciute piantine di orzo, femmina se fossero cresciute piantine di grano. 

Nel 1963 questo metodo si è rivelato efficace. Le piantine, infatti, non crescevano con l’urina di uomini o di donne non incinte, mentre crescevano nel 70% delle donne incinte. 

Incredibile come già all’epoca si potesse parlare anche di falso negativo. Sì, perché nel 30% dei casi, le piantine potevano non crescere e le donne effettivamente incinte potevano pensare di non esserlo. 

Fonte immagine: Freepik via herzindagi.com

Leggi anche: Come ottenere il GSL, il gel ai semi di lino

La Redazione

Ciao! Sono la Redazione de La Testata – Testa l’informazione. Quando non sono impegnata a correggere e pubblicare articoli mi piace giocare a freccette con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button