Primo PianoSport & Benessere

Hip dips e altre cose naturali del tuo corpo

Mia nonna dava la colpa ai pantaloni a vita bassa, per giustificare questa rientranza sui miei fianchi.

Io ci avevo anche creduto, lo ammetto, poi ho scoperto che si chiamano hip dips e che non è colpa di nessun paio di jeans perché sono naturali.

Ci sono modelle che li mostrano senza vergognarsene, altre che li eliminano tramite Photoshop, il web straripa di esercizi per eliminarli e di modi per camuffarli. Gli hip dips sono l’ennesima parte del corpo femminile sulla quale c’è troppa disinformazione. Vi svelo un segreto: sono normali. E vi spiego anche il perché.

Gli hip dips corrispondono a quella rientranza o leggera curva verso l’interno che si trova sotto ai fianchi, tipica della conformazione fisica femminile. È pertanto naturale e normale e non può essere eliminata o modificata tramite l’esercizio fisico.

Gli hips dips sono determinati dall’anatomia naturale del nostro scheletro: sono il risultato tra l’unione della lunghezza del nostro bacino, quella del femore e, infine, dell’osso sacro. Corrispondono a quel “buco” che si viene a creare tra l’anca e le cosiddette maniglie dell’amore. Sono dovuti ad una conformazione fisica e sono fatti di ossa, pertanto non possono essere eliminati o allenati in modo specifico. 

Questa conformazione fisica è generalmente più visibile sulle persone più magre.

A differenza di quanto alcuni personal trainer vogliono farci credere, specialmente su Internet, gli hip dips non possono essere tonificati o eliminati tramite esercizi specifici. Essendo composti di ossa, infatti, non esiste alcun tipo di esercizio che può modificarli. Gli esercizi che, generalmente, troviamo sul web sono esercizi che allenano la parte alta dei glutei.

Questo accade anche con le maniglie dell’amore che, a loro volta, non possono essere allenate tramite esercizi mirati e specifici. Spesso, infatti, nel mondo di Internet, troviamo numerosi esercizi che sembrano far miracoli su questa parte del nostro corpo. La verità è che non esistono esercizi neanche per loro e che l’unico modo per tonificarli è allenare tutto il corpo, eliminando così la massa grassa tramite un allenamento sano e costante, capace di mettere in equilibrio l’intera forma fisica.

Ricordiamoci sempre che gli hip dips, così come le maniglie dell’amore o ancora il famoso “buco” tra le cosce, il doppio mento, le smagliature e, non per ultima, la cellulite sono dovuti a delle conformazioni fisiche naturali o al normale funzionamento del nostro organismo, che variano di persona in persona e che pertanto possono essere più o meno accentuate su persone diverse. Tutte queste caratteristiche sono naturali, non sono difetti

Dovremmo imparare a comprendere e a documentarci su cosa è normale e cosa no e, di conseguenza, accettarlo. Perché solo accettandolo, con il tempo, potremmo raggiungerne la normalizzazione. Purtroppo, troppo spesso, a causa di una diffusa disinformazioni, molte parti del nostro corpo sono state viste come sbagliate o innaturali portando così numerose ragazze e donne a credere di essere diverse e in difetto. Dovremmo invece imparare ad accettare il nostro corpo, con tutte le sue forme e diversità, con le sue smagliature e cicatrici e prendercene cura perché accettare i propri difetti non significa smettere di migliorarsi.

Pensateci, poi, se una modella come Bella Hadid, probabilmente seguita giornalmente da ottimi personal trainer, non riesce a eliminare i suoi hip dips, non è forse la vera prova che sono naturali? Ci capita spesso di osservare il mondo dei vip per guardare cosa ci manca, forse dovremmo provare a cambiare prospettiva per vedere cosa invece abbiamo tutti, senza fotoritocco, e renderci conto di quante cose che fino ad ora abbiamo considerato difetti non sono altro che naturali forme del nostro corpo. 

Martina Casentini

Fonte immagine: Paul Jung via crfashionbook

Leggi anche https://www.latestatamagazine.it/2020/11/sei-gradi-di-separazione-lesperimento-di-stanley-milgram/ 

Martina Casentini

Mi chiamo Martina Casentini, sono nata e vivo a Velletri (Roma), studio giornalismo e dal 1995 percorro la mia strada con una penna in mano. Ho messo la testa a posto, ma non ricordo dove. Mi piacciono i gatti, la cioccolata, il mare, le storie che hanno un lieto fine e tutte quelle cose che mi fanno venir voglia di scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button