Buon compleanno Fantasia: da flop a top

Fantasia è un film d’animazione Disney che debuttò il 13 novembre 1940.

Concepito come un ritorno di Topolino, la cui popolarità stava declinando, fu articolato come lo spettacolo di un’orchestra classica.

Gli stessi segmenti animati si susseguivano sulla base di brani classici, cosa che per la critica avrebbe decretato l’insuccesso del film stesso, conferendo talvolta un’aria tetra ed inquietante che mal si concilia con l’immagine dell’attuale format Disney di “film per famiglia”.

Le scene d’animazione, mute e simili ad una sorta di musical horror, lasciano completamente spazio alle interpretazioni personali; un film d’animazione che attualmente definiremmo adatto più ai genitori che ai figli.

Gli incassi diedero ragione alla critica e infatti la Disney potè riprendersi solo l’anno seguente con la diffusione di un altro classico: Dumbo – l’elefante volante.

Il messaggio – evidentemente poco chiaro all’epoca, per un pubblico poco preparato – è che l’animazione si spinge alla sperimentazione e alla scoperta di altri modi per indagare la realtà.

Fortunatamente ad oggi Fantasia è nuovamente al centro di molti interessi artistici, diventa oggetto di remake e parodie. E cosa c’è di meglio di una parodia?
Significa che l’oggetto reinterpretato in chiave parodica è elevato a modello da cui trarre ispirazione per generi futuri.

 

Illustrazione di Simone Paesano

Didascalia di Alessandra De Paola

Vedi anche Disney e disclaimer: quando l’happily ever after incontra il politically correct