Perché spegniamo le candeline di compleanno?

Una delle tante domande che ci siamo posti (oppure no) è: perché spegniamo le candeline durante il nostro genetliaco?

Se non vi siete posti questa domanda, c’ho pensato io per voi.

La tradizione di spegnere le candeline durante il compleanno risale a tempi antichissimi; infatti testimonianze arrivano dalla Persia che dall’Antico Egitto.

Molti templi dedicati a faraoni furono costruiti in modo che la luce del sole illuminasse la statua del reggente festeggiato.

La funzione delle candeline era di buon auspicio venendo spente dai genitori del nascituro per festeggiare, con lo spegnimento della luce, la sua venuta al mondo.

Gli antichi greci, ogni sesto giorno del mese, preparavano dolci rotondi per ricordare la luna e le candele ne ricordavano la luce omaggiando la dea Artemide.

Il fuoco delle candele aveva una funzione protettiva; infatti si pensava che allontanasse gli spiriti maligni e parallelamente, si pensava che il fumo emesso dalle candele, una volta salito in cielo, avesse il potere di esprimere i desideri del festeggiato.