Cinque canzoni d’amore che non conosci

di Benedetta De Nicola

L’ammore ‘o vero – Daniele Sepe feat. Gnut

https://www.youtube.com/watch?v=a0dmCZu7fzQ

Iniziamo dolcemente.

Aprite il link, sedetevi e preparate i fazzoletti perché canta Gnut.

 

“Magari fuss tu l’ammore overo,

io ngopp all’acqua cammenass ‘a pere,

‘E viecchie addeventassero criature,

e ‘a pietto scumparesse ogni paura.

Se overo fuss tu l’ammore eterno,

restasse ‘a primmavera pur ‘a vierno.

Nun s’addurmesse l’orso fino a marzo,

E ‘a gente nun dicesse ca so pazzo

Se overo fuss tu l’ammore eterno,

restasse ‘a primmavera pur ‘a vierno.

Nun s’addurmesse l’orso fino a marzo,

E ‘a gente nun dicesse ca so pazzo.

Magari fuss tu l’ammore overo,

io ngopp all’acqua cammenass ‘a pere,

‘E viecchie addeventassero criature,

e ‘a pietto scumparesse ogni paura.”

Senza nulla togliere a quel simpaticone di Rocco Hunt, caro Rocco, di Ammore overo ce ne sta uno solo ed è quello di Gnut.

Magari quella notte di aprile ti si chiudevano gli occhi, ma non dormivi. Pensavi solo all’amore tuo, era a lavoro e tu lo desideravi vicino.

Magari solo un momento, il letto vuoto, posizione fetale e luce che traspira dalle fessure. È in quel momento che Gnut ti accarezza e tu sai che arriverà domani e l’amore tuo tornerà ad accarezzarti.

Allora piglia – Nicola Caso

https://www.youtube.com/watch?v=jZR7Rntn8GY

Immaginiamo adesso di aver perso il nostro amore della vita, ci guardiamo nelle tasche e troviamo solo un bottone, una cicca della gomma e una spilletta.

Fatto?

Adesso è il momento di Nicola Caso, cantautore dallo stile giullaresco ma profondo, un Cecco Angiolieri con la chitarra. Allora piglia è una canzone adatta a tutte le occasioni: quando lasci, quando vieni lasciato, quando canti in macchina a squarciagola e perfino quando vuoi dedicarla alla tua metà. Allora piglia è la canzone della tua amica ubriaca che vomita nel bar pensando al suo ex, è quel momento tristemente goliardico subito dopo il pianto e immediatamente prima della liberazione da un amore corretto all’odio. “Allora piglia e dici ciao, senza nemmanco manco una ragione te ne vai.”

Vulesse – Nicolò Annibale

https://www.youtube.com/watch?v=xPKo8WGOqeg

Ritmo ragazzi! Si balla con Nicolò Annibale.

Ironia, freschezza. Per Nicolò vulesse puntare l’occhio sul non-romanticismo che compone l’idea della canzone.

Maschietti, attenzione:

ballate mentre lei scappa, lui le corre dietro. Lei non gli esprime i suoi sentimenti, voi ballate, lui vorrebbe essere tutto quello che non è per darlo a lei. E mentre state ballando vi rendete conto che è triste non essere corrisposti e quindi non ballate più.

Viola – Tommaso Primo

https://www.youtube.com/watch?v=q9v9krrP3yg

Se avete una fidanzata di nome Viola, questa è la canzone giusta, forse.

Come una napoletanissima Roxanne dei Police, Viola non è quella classica donna che tutte le mamme desiderano.

“Nun sia maje ‘o sape mammà!”

Con una semplice canzone, dalle semplici parole, Tommaso Primo sfata gli stereotipi. Viola è intraprendete, un po’ scugnizza, le piace bere, ballare sui tavoli e fumare a scrocco. Viola è vera, è una donna reale, è quello che alcune donne non hanno il coraggio di far vedere. Riuscirà Tommaso a conquistare gli occhi di diamante Cartier?

Kevlar – versione di Francesco Di Bella e i Ballads Cafè

https://www.youtube.com/watch?v=F_e7VLvKmWk

Torniamo malinconici, facciamoci avvolgere da quell’aura triste della notte. La nostalgia si impossessa di noi e siamo innamorati.

“’O scuro nun me fido ‘e sta

passanno vienem ‘a piglià”

Amore mio,

sono le 3.00, sto col caffè avanti.

Scotta.

Sento tutto nero dentro, è nero, credimi, non ci vedo niente, niente. Ti scrivo amore, ti scrivo perché puoi darmi un passaggio verso la fine.

Ho bevuto il caffè. Ti ricordi quando sporcavo la tazzina col rossetto e tu sorridevi, eri felice, dicevi che così potevi baciarmi e sentire il mio sapore.

Vienimi a piglià, amore, mi faccio piccola piccola.

Proteggimi,

Benedetta.

 

Ascoltiamo i rumori del mondo, possiamo allietarli con la buona musica.