IntrattenimentoPrimo Piano

Natale: apparecchiare in modo ecosostenibile

Addobbare per le festività natalizie è bello e divertente, ma allo stesso tempo c’è un aspetto da non sottovalutare: lo spreco. 

Materiali naturali e compostabili con decorazioni green saranno i protagonisti assoluti per un Natale sostenibile, ma non per questo meno bello.

A Natale, come per ogni avvenimento, si producono grandi quantità di rifiuti e di consumo eccessivo, per addobbare casa, per preparare da mangiare, per impacchettare regali. 

Dalle carte super colorate per impacchettare i doni, agli utensili con cui apparecchiare la propria tavola natalizia. È possibile realizzare una perfetta mise en place in modo sostenibile, senza arrecare danni all’ambiente. 

Possiamo dire addio a piatti e posate di plastica (bandita dall’UE) ed utilizzare quelle lavabili, o quantomeno compostabili e quindi da smaltire tra i rifiuti organici. Per una tavola perfetta e soprattutto “green”, quindi senza sprechi, è preferibile utilizzare tovaglioli di stoffa.

Da non sottovalutare l’importanza dei segnaposto; anche quest’ultimi possono essere completamente green, utilizzando erbe aromatiche e spezie (ad esempio dei bastoncini di cannella, ma anche un ramo di rosmarino) ideali per decorare una perfetta tavola di Natale sostenibile.

Per quanto riguarda i centrotavola, altro elemento immancabile sulla tavola di Natale è opportuno utilizzare candele, pigne, addobbi natalizi e tanto altro ancora. In questo caso, per un Natale ecologico, chiunque può realizzare palline e addobbi in stoffa e candele create direttamente con le proprie mani. Quante volte durante l’anno avanzano mozziconi di cera? Bene, basta metterli da parte per dar vita a splendide candele, senza comprarle e con zero sprechi. Sarà sufficiente una buona dose di immaginazione e tanta voglia di fare, per un risultato perfetto.

Tra le varie cose da usare anche rami di agrifoglio, bacche e fiocchi per creare un centrotavola personalizzato con le candele riciclate. Inoltre, per dargli ulteriore luminosità, è possibile aggiungere delle lucine colorate.

Un’altra idea è quella di utilizzare con dei vecchi dei porta – candela pieni di muschio e bacche.

Utilizzare decorazioni naturali aiuta ad abbellire la propria casa in modo originale e con pochi accorgimenti, ma con grande soddisfazione. Il risultato sarà sorprendente.

Il Natale è magia, non solo per i più piccoli, ma per chiunque non si stanca mai di questo periodo dell’anno.

Per apparecchiare la propria tavola natalizia in modo ecosostenibile, un altro elemento naturale sono gli agrumi, perfetti per creare composizioni fantasiose e di forte impatto. Tagliando un’arancia a fette (più o meno spesse) e lasciarle essiccare, permetterà di profumare casa, creando un ambiente confortevole ed accogliente. 

Quando si tratta di apparecchiare la tavola, un po’ d’ansia è inevitabile. Il confronto con le leggendarie mise en place di zie, suocere e nonne è preoccupante. 

Per apparecchiare in modo green, occorre un solo ingrediente: la creatività.

Tovaglia (in cotone e non in plastica, o addirittura monouso), bicchieri, bottiglie (in vetro e non in plastica, magari arricchite con un fiocchetto rosso) posate, tovaglioli, centro-tavola, tutto può essere green e dunque sostenibile e soprattutto non arrecherà danno all’ambiente.

In questo modo, si generano meno rifiuti e CO2. L’alternativa è la scelta di stoviglie in bioplastica: piatti e bicchieri in amido di mais, biodegradabili in pochi mesi.

Consapevolezza e creatività sono le due parole fondamentali per un Natale sostenibile. Ricordiamo che si tratta di piccoli gesti ed accorgimenti fondamentali per fare la differenza.

Gerardina Di Massa

Leggi anche: Tradizioni napoletane a tavola: guida al Natale

Gerardina Di Massa

Gerardina Di Massa, sono nata ad Ischia e studio lettere e filosofia. Sono da sempre appassionata alla scrittura e anche alla lettura. Giornalista pubblicista, appassionata di politica e letteratura, “divoratrice di libri”, amo leggerne sempre di nuovi, senza stancarmi mai. Mi piace la scrittura in tutti gli ambiti, che si tratti di cultura o di arte, di argomenti letterari o di storia. Ogni cosa, ogni argomento può e deve insegnare qualcosa.
Back to top button