#PILLOLADICULTURAExtraPrimo Piano

L’antica pratica del loto d’oro

Nel mondo esistono tante mutazioni corporali volte a molti scopi.

Bene, oggi vi racconto di un’antica pratica cinese: il loto d’oro.

Si tratta di una deformazione dei piedi attuata in Cina e prende il nome dalla camminata oscillante generata dopo tale tecnica.

Iniziata dalla dinastia Song, proseguita poi dai Ming e Quig, scomparve del tutto nel XX secolo, in particolare con la nascita della Repubblica Popolare Cinese.

I piedi venivano lavati e disinfettati, cosparsi di allume per evitare le infezioni e fasciati piegando verso l’interno le quattro dita finali e, infine, avvicinando il più possibile l’alluce al tallone. 

Questa dolosa tecnica, effettuata alle bambine, provocava la deformazione di ossa e articolazioni rendendo il piede molto piccolo.

Quindi perché farlo?

Era essenziale per rendere la donna sottomessa e dipendente al proprio marito poiché, non più capace di camminare come prima, era molto limitata nella vita quotidiana. 

Insomma, questa pratica contribuiva a creare disparità di genere, mettendo le figure femminili ai margini della società e “abituandole” al dolore fisico.

Vedi anche: Normalizzare il dolore, sì ma perché

La Redazione

Ciao! Sono la Redazione de La Testata – Testa l’informazione. Quando non sono impegnata a correggere e pubblicare articoli mi piace giocare a freccette con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button