ExtraPrimo Piano

Ermengarda – Personaggio della settimana

Ermengarda nacque a Pavia nel 754; morì 776. 


Ermengarda fu una principessa longobarda consacrata, da Alessandro Manzoni nella tragedia Adelchi


Nota anche con il nome Desideria poiché figlia del re Desiderio, il nome di questa principessa è rimasto oscuro per secoli; le fonti medievali, infatti, riportavano nomi differenti quali Gerberga, Bertrada, Sibilla, Teodora. 

È ricordata per esser stata data in moglie a Carlo Magno nel 771, ma soprattutto perché da egli fu ripudiata poiché inferma e sterile, o almeno queste furono le motivazioni “ufficiali”. 


Le nozze in realtà erano state programmate per rinforzare l’alleanza tra Franchi e Longobardi.  Quando però l’Italia divenne punto di interesse sia per i Franchi sia per i Longobardi, il re Desiderio tentò l’invasione anche dei territori pontifici che senza l’intervento dei Franchi non avrebbero potuto opporre resistenza.  

Ermengarda, illusa di poter diventare un simbolo di pace tra i due popoli, fu in realtà vittima delle ambizioni degli uomini e ricordata da Manzoni come una vera e propria vittima sacrificale.

 
“Sparsa le trecce morbide 
sull’affannoso petto, 
lenta le palme, e rorida 
di morte il bianco aspetto, 
giace la pia, col tremolo 
sguardo cercando il ciel” 

A. Manzoni, “Adelchi”, atto IV

Non perderti: (Non) si scherza con la letteratura: I promessi sposi come non li avete mai letti.

La Redazione

Ciao! Sono la Redazione de La Testata – Testa l’informazione. Quando non sono impegnata a correggere e pubblicare articoli mi piace giocare a freccette con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button