Gallery

La furia del domani – Foto di Roberto Filippini

 · Foto di Roberto Filippini ·

La furia del domani

“È davvero questo quello che ci aspetta?”
“No dai, sono cose che succedono. Ecco, vedi? Questo post di Facebook dice che 100 anni fa è accaduta una cosa simile nello stesso giorno! È solo una coincidenza, non c’è nulla di cui preoccuparsi”.

Sono passate 48 ore dall’onda che ha aggredito via Caracciolo, 48 ore in cui ho sentito tante frasi diverse indirizzate in tutte le direzioni. Frasi di dolore, di speranza e di rabbia per i danni che ha portato il mare agitato. Ecco che durante la notte del 28 Dicembre 2020, anno nefasto per tutti, la furia di Poseidone si è abbattuta su una delle strade più trafficate di Napoli. In quelle ore l’acqua ha abbattuto le mura che separano la passeggiata dagli scogli a mare, inondando la strada e devastando i ristoranti del lungomare. Questa mattina ho deciso di scendere a dare un’occhiata, per vedere se i danni fossero ancora visibili e con mia grande sorpresa ho scoperto che tutto è perfettamente intatto. I ristoranti e la strada sono in condizioni tali che sembra non sia successo nulla, quasi nulla. Perché sebbene la reazione della mia gente mi abbia riempito il cuore di gioia, non è facile continuare a lottare nonostante tutti i colpi ricevuti, mi è bastato visitare alcuni luoghi per strapparmi da dosso la felicità.

I danni causati dalla mareggiata sono solo la punta dell’iceberg dei problemi che ci aspetteranno, se non invertiamo la rotta che abbiamo preso da un secolo a questa parte. Le spiagge del golfo sono state riempite dai rifiuti che produciamo, vomitati dall’acqua che ormai sembra essere stanca dei nostri abusi. Durante il primo lockdown tutti quanti erano meravigliati dalla natura che si riprendeva i suoi spazi, mentre oggi sembra quasi che nessuno voglia fare ammenda del tremendo spettacolo che ci ha offerto. A me piace pensare che siamo vicini al cambiamento, che questo sarà solo uno degli ultimi eventi negativi e che fra non molto invertiremo la rotta. A me piace vederla così, perché sarei contento di poter dire fra qualche anno “Nonostante tutto ce l’abbiamo fatta. Finalmente il mondo sta cambiando e queste cose non capiteranno più”.

Mi piace ancora sognare.

La Redazione

Ciao! Sono la Redazione de La Testata – Testa l’informazione. Quando non sono impegnata a correggere e pubblicare articoli mi piace giocare a freccette con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button