BoJack Horseman non è una serie per giovani

Nata per raccontare vizi e costumi dello showbiz hollywoodiano, chiude i battenti una delle migliori rappresentazioni dell’introspezione umana sul piccolo schermo.

Devo ammetterlo, ho amato la serie ideata da Raphael Bob-Waksberg alla follia.

È sicuramente uno dei migliori prodotti del panorama Netflix. Partita come serie animata satirica che mira a ridicolizzare il jet-set made in USA, attraverso un mondo antropomorfo e surreale, stagione dopo stagione l’opera è diventata qualcosa di molto più grande. In un crescendo di toni drammatici ha scavato nell’uomo contemporaneo, regalando un racconto profondo sulle ansie e le insoddisfazioni della vita.

Tutti questi elementi fanno di BoJack Horseman una serie da guardare con attenzione per apprezzarla al meglio. Le esperienze dei personaggi, la loro incapacità di affrontare i traumi e i fallimenti personali creano un’empatia fuori dal comune, regalando allo spettatore numerosi spunti di riflessione.

 

Simone Passaro

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi