Alberto Manzi

– Nato il 3 novembre 1924 a Roma e morto il 4 dicembre 1997 a Pitigliano.

– Dal 1943 al 1946 è stato parte attiva durante la seconda guerra mondiale. Successivamente consegue la laurea in biologia alla Sapienza di Roma; da qui in poi iniziò per Manzi la carriera da maestro. Poco più che ventenne iniziò ad insegnare presto l’istituto di Rieducazione e Pena “Aristide Gabelli” dove dovette sfidare a pugni il “capo” dei 94 studenti per poter insegnare liberamente. Da qui nacque il progetto di Grogh, da cui scaturì l’omonimo romanzo.

– Dal 1960 fu il conduttore della celeberrima trasmissione Non è mai troppo tardi: in questa trasmissione Manzi teneva delle vere e proprie lezioni scolastiche. Ebbe un grande impatto sociale, aiutando, di fatto, più di un milione e mezzo di persone ad ottenere la licenza elementare. Questa tipologia di programma venne poi riproposto da molti altri paesi.

– Nella miniserie Non è mai troppo tardi viene interpretato da Claudio Santamaria.

– Scrisse diversi libri tra cui Orzowei, da cui venne tratta l’omonima serie televisiva.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi