Stamme a riva ‘e mare astritte

Je me faccio semp fa’ comme ll’ultimo de’ sciemi perdo ‘o tiempo a t’aspetta’ quanne saccio ca’ nun vieni

e me faccio piglia’ a paccheri senza dicere maje niente po’ m’abbuffi ‘a capa ‘e chiacchiere e me faje fesso e cuntento.

Je me faccio pe’ dispietto tutt’e notti ‘o stesso suonno, stamme a riva ‘e mare astritte, tu me lasse e je vaco a funno, me rimane ‘a morte ‘mpietto tutt’e vote ca’ me sceto fuje a’ vita, se ne fotte ride e nun s’avota arreta.

 

Foto di Anna Girone

Didascalia di Alessio Sollo

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi