Il fratello “cattivo” di Bart e i buchi bianchi

Dopo essere riusciti a fotografare un buco nero, la prossima sfida per Carlo Rovelli, intervistato da Focus, è riuscire a provare l’esistenza dei buchi bianchi, per ora solo ipotizzati.

È un po’ come la storia del gemello “cattivo” di Bart, i buchi bianchi sarebbero uguali nell’aspetto a quelli neri ma opposti nel comportamento: anziché ingoiare tutto, farebbero fuoriuscire ogni cosa.

Resta da capire, in questo caso, quali tra i due è il buono e chi il cattivo.

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi