Arlecchino: l’ombra dietro i suoi colori

Chi non conosce Arlecchino?

Il servitore ingenuo e dispettoso di origine bergamasca noto per il suo particolare abito fatto con rattoppi di stoffe di vari colori e che, proprio per questo, trasmette tanta allegria.

Nata nel 1550 questa maschera è una delle più note e tradizionali del Carnevale, ma quello che probabilmente non sapete è che dietro il suo personaggio si nasconde un’origine pagana e oscura.

Secondo molti, infatti, la figura di Arlecchino sarebbe ispirata a quella di un diavolo buffone medievale di origine francese chiamato Hellequin.

Non a caso la maschera nera che copre la versione tradizionale del costume ha un aspetto vagamente demoniaco e presenta due protuberanze sulla fronte ricollegabili a probabili residui delle corna da diavolo.

Perfino Dante lo cita nella Divina Commedia, precisamente nel XXII canto dell’Inferno, dandogli il nome di Alichino, un vero e proprio demone posto nella quinta bolgia, a guardia dei malversatori immersi nella pece bollente.

Con il tempo l’impronta demoniaca si è gradualmente affievolita, fino ad assumere le caratteristiche con cui oggi è da tutti conosciuto.

disegno di Marta Bellavia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi