Emmy Noether

Il personaggio della settimana

– Nata a Erlangen il 23 marzo del 1882 e morta a Bryn Mawr il 14 aprile del 1935.

– Emmy Noether era nata da una famiglia ebrea; era figlia del famoso matematico Max Noether. Dopo essersi laureata nel 1907 con un lavoro sulla teoria degli invarianti algebrici andò a Göttingen dove conobbe e lavorò con alcuni dei matematici più importanti dell’epoca. Formulò un importantissimo teorema, che mise in luce il legame esistente tra simmetrie di un sistema fisico e quantità conservate. Il teorema di Noether permette ai fisici di conoscere maggiormente gli aspetti interni di qualsiasi teorema fisico, analizzando le varie trasformazioni implicate dal teorema stesso. Nel 1932, a causa dell’avvento nazista, fu costretta ad emigrare in America, dove morì pochi anni dopo.

– Da molti studiosi, tra cui Pavel Alexandrov, viene definita come “il matematico donna più importante di tutti i tempi”.

– Abert Einstein in occasione della sua morte scrisse sul New York Times: “Fräulein Noether è stata il genio matematico più importante da quando le donne hanno avuto accesso all’istruzione superiore”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi