Il principe della risata!

Antonio De Curtis, meglio conosciuto come Totò, venne iscritto all’anagrafe con la sigla N.N. “Il figlio di nessuno”. In realtà, fu concepito da una ragazza palermitana, Anna Clemente, e da Giuseppe De Curtis, che però lo riconobbe solo quando compì 32 anni. Fino ad allora cercò ossessivamente un’identità non ottenendo risultati; decise, così, di porre nel bagno della sua casa, proprio sul water, lo stemma delle sue origini.

“Io non vado in giro a dire che sono di origine imperiale, che sono l’erede e il successore vivente delle varie dinastie bizantine, dall’imperatore Costantino il Grande in poi, e che ho diritto al titolo di principe e di Altezza Imperiale. Ma lui mi ha ‘sfrocoliato’ e io mi sono rivolto alla magistratura”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi