Ossido di oro

La teoria HSAB (Hard and Soft Acids and Bases) suddivide gli elementi della tavola periodica in “duri” e “molli” a seconda della componente orbitalica.

Gli acidi hard formano legami più solidi con basi hard, mentre gli acidi soft si legano meglio con basi soft; osservando l’andamento della “durezza” lungo la tavola periodica, è possibile notare come l’ossigeno sia tipicamente hard, mentre l’oro è nella zona soft della tavola periodica. Per questo motivo l’oro non si ossida, a differenza di altri metalli come il ferro o il rame.

La dicitura “duro” e “molle” non rispecchia appieno quello che è il significato inglese di hard e soft, motivo per cui le traduzioni italiane vengono spesso riportate tra virgolette. Un’altra traduzione possibile potrebbe essere “forte” e “debole”, ma per evitare confusione con la teoria acido-base questa dicitura viene evitata.

 

Cos’è l’ossidoriduzione? Come funziona? Clicca qui per scoprirlo!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi