#PILLOLADICULTURAExtraPrimo Piano

La vera storia del Green Book

Green Book, acclamato film del 2018, narra le vicende di un musicista afroamericano e del suo autista italoamericano nel 1962, anni della segregazione razziale negli Stati Uniti.

In realtà, il titolo si riferisce ad un libro, o meglio una guida, ideata ed utilizzata in quel periodo.

Il Green Book venne progettato da Victor Hugo Green nel 1936 e, inizialmente, pubblicato ogni anno. 

Si trattava di un testo su cui erano segnati i luoghi ed i servizi riservati agli afroamericani durante i viaggi, per evitare rifiuti ed inconvenienti.

Fu utilizzato fino al 1964 con il Civil Rights Act che sancì la fine della segregazione razziale, e nel 2017 furono stampate quattro copie poiché la vicenda suscitò grande interesse.

Sebbene le discriminazioni siano all’ordine del giorno, (negli Stati Uniti e non) questa guida farà parte degli orribili ricordi di quel periodo che, ci auguriamo, di non rivivere.

Foto copertina da sololibri.net

Vedi anche: Green Book, il cinema per tutti, il cinema per Spielberg

La Redazione

Ciao! Sono la Redazione de La Testata – Testa l’informazione. Quando non sono impegnata a correggere e pubblicare articoli mi piace giocare a freccette con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button