IntrattenimentoPrimo Piano

Le teorie del complotto e cinque celebrità “mai morte”

Che tutto non sia come ci appare descritto dai mass media è un dato di fatto.

La realtà mostra svariate sfaccettature ed altrettante stranezze, a volte così oscure da dar vita a delle vere e proprie teorie del complotto o delle cospirazioni.

Avvistamenti, foto e molto altro ancora hanno portato molte persone a credere che alcune celebrità non fossero realmente morte, ma che avessero deciso di allontanarsi volontariamente per ritirarsi a vita privata a causa dello stress vissuto sotto i riflettori. Scopriamo di chi si tratta.

  1. Steve Jobs

Una teoria basata unicamente su foto e somiglianze è quella che ruota intorno alla morte di Steve Jobs che, ricordiamo, sarebbe morto a Palo Alto il 5 ottobre 2011 a causa di un cancro al pancreas. Tre mesi prima di morire si era dimesso dalla guida della Apple, la società fondata nel 1976, dichiarando di non avere più le forze per guidarla.

I complottisti scovarono una foto di un uomo seduto fuori ad un bar in Egitto

Fonte: Vanity Fair

La somiglianza è innegabile, così come la postura curva e i piedi scalzi. Sosia o complotto?

  1. Lady Diana

Uno dei personaggi pubblici più iconici che l’Inghilterra, anzi, l’intero mondo abbia conosciuto: Diana Spencer.

La morte di Diana avvenne durante la notte del 31 agosto 1997, in un incidente stradale avvenuto nella galleria che passa sotto il Ponte de l’Alma a Parigi. 

Insieme alla principessa morirono l’imprenditore Dodi Al-Fayed, suo compagno, e il conducente dell’auto. Si è molto discusso riguardo un ipotetico complotto che vedrebbe come mandanti dell’omicidio alcuni membri della famiglia reale e come attuatori i servizi segreti britannici.

Ad ogni modo, secondo le teorie che prendiamo in esame, Diana sarebbe stata vista da centinaia di testimoni in molte città di tutto il mondo, nei centri commerciali, taxi ed anche in un ristorante nei pressi di Sandringham (città natale di Lady Diana).

  1. Jim Morrison

Il mistero che ruota intorno alla morte del nostro amato frontman dei Doors resta ancora oggi molto fitto. Ricordiamo che l’artista fuggì a Parigi, romanticamente potremmo dire dalla sua donna, realisticamente invece per fuggire dalla sua inquietudine e malinconia. Qui, la sua compagna Pamela Courson avrebbe trovato il corpo di Morrison senza vita nella vasca da bagno.

I dubbi riguardo la morte del cantante nascono nel momento in cui la notizia ufficiale della morte di quest’ultimo fu annunciata solo sei giorni dopo e, soprattutto, dopo essere stato seppellito. L’unica ad aver visto il corpo di Morrison sarebbe stata Pamela.

Jacques Rochard, nel suo libro “Jim Morrison Vivo!”, sostiene di aver intervistato Morrison negli anni 80 e di aver curato la pubblicazione di alcune sue poesie. 

Anche uno dei componenti dei Doors, Ray Manzarek, in un’intervista al Daily Mail, riferisce che Jim è vivo e si trova lontano da occhi indiscreti, ribadendo il fatto che nessuno abbia visto il suo cadavere. 

Un dipendente della Bank of America di San Francisco, rivela di aver ricevuto la visita di Jim Morrison per il trasferimento di un bonifico bancario. 

Nel 2011 pare venga visto tra la folla in concerto a New York.

  1. Tupac

I fan di Tupac sono restii a credere che quest’ultimo sia rimasto ucciso in una sparatoria davanti ad un casinò di Las Vegas nel 1996.

Difatti, la guardia del corpo del rapper aveva detto di averlo aiutato ad inscenare la propria morte e averlo portato a Cuba; il figlio del suo produttore, Suge Knight (che era con Tupac la sera dell’omicidio ma sopravvisse) ha postato e cancellato delle foto su Instagram che avrebbero alimentato le speranze e le teorie, mentre dal Sudafrica erano arrivate voci di un avvistamento.

Ancora più curiosa è la confessione di un agente di polizia in punto di morte, David Myers, il quale avrebbe confessato di esser stato pagato la bellezza di un milione e mezzo di dollari per dare il suo contributo nella messa in scena della morte di Tupac.

  1. Michael Jackson

I fan del re del pop non mollano: Michael Jackson è vivo.

Sul web possiamo trovare decine e decine di segnalazioni. Molto interessante si rivela un video apparso nella rete il 25 agosto 2009, a due mesi esatti dalla data di morte. Tale filmato mostra il furgone del coroner (servizio trasporto cadaveri) che entra in un garage sotterraneo e da cui esce un uomo che sembra essere proprio Jackson.

Catia Bufano

Leggi anche: Ho disegnato un cerchio! – Come Andy Warhol conobbe Steve Jobs

Catia Bufano

Laureata in Lettere Moderne, studia attualmente Filologia Moderna presso l’università di Napoli Federico II. Redattrice per La Testata e capo della sezione Fotografia. Ama scrivere, compratrice compulsiva di scarpe, non vive senza caffè. Il suo spirito guida è Carrie Bradshaw, ma forse si era già capito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button