Scopa!

«Scopa!»

Ciro rovescia le carte sul tavolo così fiero da far sembrare quella piccola stanza un casino di Las Vegas.

«V’agg fatt pur’ ‘sta vot».

«Mi passate un accendino?»

«Tieni».

«Ragà, ma voi vi ricordate com’era prima?»

«Genny pure oggi hai fumato assai eh?»

«No, sono serio. Prima del coprifuoco, delle mascherine, del prof di matematica che non riesce ad accendere il PC.

Non vi manca niente?»

«Bah… Forse gli abbracci».

«Marì sei la solita sentimentale. A me le serate in discoteca, ballare fino all’alba».

«E prendere il cornetto prima di tornare a casa».

«Già…»

«Quando finirà?»

Chiara stringe i pugni nella felpa per scacciare via i brutti pensieri.

«Chià non piangere. Finirà e se non finirà abbiamo sempre il prof Esposito che non può metterti 4 se non accende prima il computer».

Chiara sorride, con un sorriso da bambina, e sposta un ciuffo di capelli rosso fuoco che le copre il viso.

«Scopa di nuovo!»

Ciro getta sul tavolo un sette di denari.

 

Foto di Chiara Di Mauro

Didascalia di Catia Bufano

 

Vedi anche: 10 cose da fare durante la quarantena da corona virus