UNESCO: cosa fa oggi per noi?

“United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization”; questo è l’acronimo in inglese che sigla l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura. 

Oggi è il giorno dell’anniversario della sua istituzione perciò vogliamo ricordare le sue origini e le sue finalità!

Molte volte abbiamo letto sul giornale, su Internet o abbiamo ascoltato che un’opera d’arte oppure un sito archeologico come i Sassi di Matera sono Patrimonio dell’Unesco. Nella nostra regione, la Campania, c’è la possibilità di visitare molte chiese come San Lorenzo, Santa Chiara e il mastodontico complesso del Maschio Angioino che sono monumenti protetti dall’ Unesco.

Ma che significa “essere Patrimonio dall’Unesco”?

L’Unesco nasce nel 1946 per tutelare e valorizzare i patrimoni culturali e naturali di tutto il mondo ed è legata all’ONUNel 1972 riconosce alcuni luoghi definendoli “eccezioni dal valore eccezionale”. In 190 paesi hanno aderito a questa organizzazione, convenzionando i siti e inserendoli in una lista chiamata: Lista del Patrimonio Mondiale.

L’Italia è la nazione con più siti predisposti nella lista. La Campania, a sua volta, in totale ha 10 siti come: il centro storico, la costiera amalfitana, gli scavi di Pompei ed Ercolano e la stessa dieta mediterranea entrata nella lista il 16 novembre del 2010 e definita l’insieme di pratiche tradizionali, di conoscenze e di abilità che sono passate di generazione in generazione nei paesi mediterranei fornendo alle comunità un senso di appartenenza e di continuità.

Pensate che anche essere un bravo pizzaiolo è una vera e propria forma d’arte e creatività ed è perciò riconosciuta patrimonio dell’Unesco diventando motivo di grande orgoglio per tutti gli artigiani partenopei.

L’Unesco è nata principalmente per mantenere la pace ed il rispetto dei diritti umani. Il suo motto infatti è: “Costruire la pace nelle menti degli uomini e delle donne”.

Oggi l’obiettivo principale di questa organizzazione è la promozione e la diffusione della cultura e la tutela dell’ambiente e delle minoranze etniche. Partendo dal motto, accettiamo l’invito e promuoviamo la serenità e la pace nei nostri cuori per illuminare il mondo perché la guerra e la sofferenza distruggono ogni frammento di luce.

 

 

 

Ada di Domenico

Vedi anche: Napoli, candidata a diventare capitale italiana del libro