Perché bisogna ricordare 

Mai dimenticare che qualcuno ha sofferto e che sta ancora soffrendo.

Bisogna ricordare e mai dimenticare cosa è derivato da tutta questa situazione.

Durante la quarantena c’è chi si affacciava al proprio balcone intonando canzoni, chi diceva “andrà tutto bene” ai propri figli e chi si beffeggiava del dolore, ma bisogna ricordare chi invece ha lavorato sodo per dare una mano e salvare più vite possibili, sono state versate tante lacrime e quel vuoto non potrà essere mai colmato.

Il COVID-19 ha portato via cari a molte persone e sta continuando a farlo.

Bisogna ricordare chi soffre e chi lavora duramente per noi tutti.

Bisogna ricordare che ogni vita è importante e non essere così cinici e fare paragoni fra le varie tipologie di morti che troviamo nelle statistiche.

Bisogna ricordare che siamo tutti uguali e che viviamo sotto lo stesso cielo.

Bisogna ricordare che c’è ancora qualcuno che piange.

 

Didascalia e illustrazione di Sonia Giampaolo

Vedi anche: L’estate del 1974

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi