Lo strano passatempo di Domiziano

Essere imperatore dell’impero romano era un enorme privilegio, dato che la vastità dei territori conquistati non era di certo di pochi chilometri quadrati.

Non tutti sono stati degni di portare questo titolo.

Tra i buoni è possibile trovare Marco Aurelio, tra i cattivi Nerone o Commodo e poi, in mezzo, è possibile trovare Domiziano che tra il migliorare l’economia romana ed essere sempre più diffidente verso il Senato instaurando un regime del terrore, aveva uno strano e insolito passatempo: ammazzare le mosche.

Secondo Svetonio, l’imperatore odiava al tal punto questi insetti che passava ore ed ore isolato nel tentativo di catturarle e trafiggerle con uno spillone.

Un giorno chiesero al console vercellese Vibio Crispo  se l’imperatore fosse in compagnia di qualcuno e lui rispose ironicamente: “Nemmeno di una mosca”.

 

Leggi anche Le ultime parole di Ottaviano Augusto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi