“Ti prego, non fare uno sproloquio!”

“Ti prego, non fare uno sproloquio!”: quante volte abbiamo usato questa frase? Tante.
Eppure io non ne conoscevo l’origine, voi?

Andiamo a scoprirla!

La parola “sproloquio” deriva dal latino proloquium che significa esordio, infatti è una derivazione di prolŏqui.

Guardando bene possiamo notare come prolŏqui sia un composto di pro «avanti, prima» e loqui «parlare»: si usava proprio per indicare un discorso introduttivo.

Non a caso utilizziamo anche la parola loquace, per dire chiacchierone, perciò sproloquio sta ad indicare un discorso prolisso, enfatico e inconcludente.

Come tutte le volte che il nostro amico, per raccontare un avvenimento, attacca con una lunga premessa e, sbuffando, gli abbiamo chiesto per pietà: “ti prego, non fare uno sproloquio!”

 

Leggi anche Semi semantici: chincaglieria

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi