Horror vacui, da Aristotele all’arte moderna

Horror vacui è un concetto introdotto nella critica dell’arte figurativa per indicare la tendenza a riempire gli spazi vuoti in varie forme: nell’arte funeraria, nell’arredamento, nella pittura, nelle sculture.

Però bisogna sapere che deriva dal latino e significa “orrore del vuoto”.

La frase fu inizialmente usata per designare il concetto aristotelico: “natura abhorret a vacuo”, cioè “la natura rifugge il vuoto” ovvero tende a colmarlo continuamente.

 

horror vacui

 

Pannello di una tomba rinvenuta a Tebe, risalente al X sec a.C.

 

horror vacui

Miniature di vario tipo, utilizzate nei manoscritti medievali per riempire gli spazi vuoti;

Oxford, Bodleian Library MS Douce 366 (Ormesby Psalter), fol. 38r

 

Vedi anche: Mi passi quella causa? Ah no, scusa, quella cosa!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi