Totale

Quando un’inquadratura cinematografica viene chiamata “totale”, in essa è contenuto ogni oggetto presente in scena: in pratica, non si può nascondere nulla.

Questa visione d’insieme consente di vedere le cose con prospettiva, si analizza la situazione esternamente e se ne ammira la bellezza.

Un “totale” nella vita servirebbe spesso, i film lo sanno. Per questo cercano di ricordarci costantemente che bisogna prendere fiato e fermarsi a guardare quanto è bello ciò che abbiamo attorno.

Foto e didascalia di Valeria Gentile

 

Guarda anche Le scale di Napoli: gradinate a volontà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi