Voglio una vita equilibrata: colazioni leggere ma gustose!

Le colazioni sono sempre un dramma quando si inizia una dieta: è difficile rinunciare a cappuccino e cornetto o zuppa di latte con biscotti.

Eppure basterebbe reinventarci, utilizzando i “tristi” alimenti dietetici per creare dolcetti gustosi.

Come vi ho anticipato nell’articolo precedente, oggi vi darò degli spunti per creare delle ricette dietetiche ma molto  sfiziose soprattutto per la colazione.

 

Tortini con Fette Biscottate

Per la prima ricetta l’ingrediente chiave sono le fette biscottate.

Questo alimento tendiamo ad associarlo alle case dei nonni o agli ospedali, soprattutto se li accostiamo alla marmellata.
Oggi il mio intento è quello di rivalutarlo.
Sarà che io le ho sempre amate, anche perché mi ricordano quando andavo a trovare mio nonno paterno e lui, con tanto amore, me le preparava colme di quella marmellata delle mini-confezioni che conservava dolcemente per me ogni volta che andava a fare una visita all’ospedale.

Dopo questa digressione proustiana, vi parlo di questi tortini, freschi e saporiti, da preparare qualche ora prima di servirli.

Ho due versioni, una che ricorda il tiramisù e l’altra invece la cheesecake.

  • Per la prima basta semplicemente bagnare le fette biscottate come preferite, io utilizzo la camomilla o la tisana alla vaniglia, ma potete usare anche il caffè, il latte o qualche bevanda vegetale, insomma, potete sbizzarrirvi.
    Ovviamente conviene bagnare uno strato alla volta e poi comporre il tortino con strati di yogurt ed anche qui avete libertà, potete usare uno yogurt normale, aromatizzato, alla frutta, vegetale, greco; potete scegliere se mescolarlo con un cucchiaino di cacao, di cannella o perché no, mixarlo con un frutto che amate.
    Infine potete decorare con della frutta o cacao/cannella, anche qui c’è l’imbarazzo della scelta.

Le porzioni, ovviamente, sono personali, in base al vostro fabbisogno calorico. Io utilizzo quattro fette biscottate e 120 grammi di yogurt, ma si possono tranquillamente creare tortini più grandi o più piccoli.

  • Per la seconda ricetta, invece, basta sbriciolare le fette biscottate e lasciarle 10 minuti nel congelatore, dopo basta aggiungere lo yogurt greco ed anche in questo caso potete alternare con i vari tipi esistenti sul mercato oppure mixare con frutta, cacao o cannella.

Mettere il composto per un’oretta nel frigo e dopo aggiungere la marmellata.

Infine lasciare riposare in frigo per almeno un’altra ora, il risultato sarà strepitoso! Semplicissimo, no?

Biscotti con Fiocchi d’avena

Per questi gustosi biscotti ho due gustose varianti: una yogurtosa e l’altra fruttata.

In entrambi i casi basta sbriciolare 30 grammi di fiocchi d’avena in una ciotola e nel primo caso, amalgamare con 50 grammi di yogurt, nel secondo invece, con metà banana.
Infine basta semplicemente creare delle forme e infornarli in un forno preriscaldato a 180° per 15 minuti. Così vi usciranno tre biscotti medi, gustosissimi, da inzuppare in una tazza calda di tè, caffè, latte o tisane.

Ovviamente per averne di più basta aumentare le dosi.

Porridge

Anche per il porridge ho due versioni: una calda ed una fredda, la base deve essere una componente liquida, che potete tranquillamente variare: latte, bevanda vegetale e fiocchi d’avena.

  1. Versione calda
    Per il procedimento, basta far cuocere a fuoco lento 300 ml di liquido per ogni 50 gr di fiocchi d’avena, appena si sarà addensato potete procedere con la guarnizione. Potete aggiungere ciò che più vi piace: frutta fresca, frutta secca, cioccolata fondente, spezie o altri tipi di cereali. Le mie varianti preferite sono mela e cannella, fragole e cioccolata fondente o banana e cacao. Io di solito evito la frutta secca ma ogni tanto aggiungo anche pistacchi o mandorle nelle mie composizioni: una dolcezza infinita!
  2. Versione fredda
    Lasciare riposare i fiocchi d’avena con 150 ml di liquido in frigorifero. Al mattino potete creare le vostre composizioni, vi consiglio molto lo yogurt e marmellata o frutta, per creare una specie di cheesecake, ma anche yogurt e cioccolata fondente fusa o cacao, per una versione più dolce.

 

Cornetti, bomboloni e brioche

Questa sarà una gioia per i più golosi: perché rinunciare ai cornetti e alle brioche? In questi giorni ho sperimentato delle versioni più leggere e comunque light che voglio condividere con voi.

Il burro della ricetta originale può essere sostituito con acqua, latte o bevanda vegetale. Le uova invece, potete anche tranquillamente non aggiungerle o sostituirle con l’albume, olio o l’acqua.

Per ogni 500g di farina dovete amalgamare con 250 g Yogurt bianco naturale o latte, 100 ml di uova/acqua/bevanda vegetale. La farina è a scelta, io uso quella integrale, potete anche mescolare più farine o mettere meno farina o aggiungere il cacao all’impasto o usare quella di riso per chi è celiaco.

Aggiungere 50 g di amido di mais o fecola di patate, 50 g di dolcificante (potete usare l’eritritolo o la stevia ma, se non vi piacciono, vanno benissimo anche lo zucchero bianco o di canna) e una dose di lievito di birra fresco o essiccato, quello madre o istantaneo: vanno bene tutti.

Il procedimento è semplice, amalgamate i liquidi alle farine setacciate e impastate, fino a creare un panetto. Successivamente lasciatelo lievitare per almeno un’ora e create le forme che più desiderate: cornetti, brioche o bomboloni. Fatele crescere tutta la notte e poi infornatele in un forno pre-riscaldato a 200° per una ventina di minuti.

Ormai non vi resta che gustarle: vuote, con marmellata, cioccolata fondente, creme light. Non vi dimenticate però di una bella tazza di latte e caffè!

 

Pancakes

Proteici o non, i pancakes sono soggetti di qualsiasi post Instagram con colazioni vista mare, no? Perché non goderseli in tutte le versioni possibili? Vi spiego come.

Per preparare i pancakes serve una componente liquida di almeno 100 ml (latte, bevanda vegetale, uova, yogurt) e una solida di almeno 70 gr.

Il procedimento è sempre lo stesso, basta amalgamare i solidi con i liquidi e creare una pastella da far cuocere in un pentolino antiaderente.

Vi do alcune versioni da poter testare, le porzioni sono per una persona.

  1. Versione semplice: farina 70 gr – sempre a scelta, a me piace quella di avena ma va bene qualunque farina, di riso per chi è celiaco – yogurt/latte 100 ml, un cucchiaino di dolcificante o zucchero;
  2. Versione salata: farina 70 gr, un uovo grande (o 100 ml di acqua),  un cucchiaino di olio, un pizzico di sale e spezie;
  3. Versione proteica: un uovo grande, una banana e un cucchiaino di dolcificante o zucchero;
  4. Versione vegana: Acqua o bevanda vegetale 100 ml, farina 50 gr, fecola 20 gr e un cucchiaino di dolcificante o zucchero.

Vi svelo un trucchetto, l’impasto si può anche lasciare neutro, senza dolcificare o salare; così da poter fare più dosi e congelarlo, scongelando poi all’occorrenza.

Infine guarnite: yogurt, marmellata, frutta, creme light, cacao, cioccolata fondente, granella di cocco; oppure, per la versione salata, con insaccati magri, verdure, creme di verdure, formaggi spalmabili light.

Scegliete utilizzando la fantasia, perché in fondo, il trucco per una buona cucina, è quella!

Ormai non vi resta che mangiare ma prima non dimenticate di scattare la foto instagrammabile e magari poi taggateci!

 

Insomma, ce ne sono di tutti i gusti, basta solo sapersi adattare.

Continuate a testarci, per nuove ricette a prova di bilancia!

 

 

Federica Auricchio

Disegno di Giuseppe Armellino

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi