La settimana della musica TLI: Maggio Giorno VI

Giorno 6 – Fabrizio de André, Ottocento

Ottocento è un brano tratto dall’album del 1990 Le Nuvole di Fabrizio De André che spesso ai più passa inosservato. Questo brano così atipico, però, è permeato di tanti significati e tematiche care a De André, quali la lotta al capitalismo, la concezione della borghesia e la sua opulenza fuori dal tempo. Si ha quindi un brano a tratti abbastanza scanzonato ma che come tutti i testi di De André riesce a svelarsi sempre di più man mano che lo si ascolta.

Testo:

Cantami di questo tempo

l’astio e il malcontento

di chi è sottovento

e non vuol sentir l’odore

di questo motor

che ci porta avanti

quasi tutti quanti

maschi , femmine e cantanti

su un tappeto di contanti

nel cielo blu

Figlia della mia famiglia

sei la meraviglia

già matura e ancora pura

come la verdura di papà

Figlio bello e audace

bronzo di Versace

figlio sempre più capace

di giocare in borsa

di stuprare in corsa

e tu

moglie dalle larghe maglie

dalle molte voglie

esperta di anticaglie

scatole d’argento ti regalerò

Ottocento

Novecento

Millecinquecento scatole d’argento

fine Settecento ti regalerò

Quanti pezzi di ricambio

quante meraviglie

quanti articoli di scambio

quante belle figlie da sposar

e quante belle valvole e pistoni

fegati e polmoni

e quante belle biglie a rotolar

e quante belle triglie nel mar

Figlio figlio

povero figlio

eri bello bianco e vermiglio

quale intruglio ti ha perduto nel Naviglio

figlio figlio

unico sbaglio

annegato come un coniglio

per ferirmi, pugnalarmi nell’orgoglio

a me a me

che ti trattavo come un figlio

povero me

domani andrà meglio

Ein klein pinzimonie

wunder matrimonie

krauten und erbeeren

und patellen und arsellen

fischen Zanzibar

und einige krapfen

frùer vor schlafen

und erwachen mit walzer

und Alka-Seltzer fùr

dimenticar

Un piccolo pinzimonio

splendido matrimonio

cavoli e fragole

e patelle ed arselle

pescate a Zanzibar

e qualche krapfen

prima di dormire

ed un risveglio con valzer

e un Alka-Seltzer per

dimenticar.

Quanti pezzi di ricambio

quante meraviglie

quanti articoli di scambio

quante belle figlie da sposar

e quante belle valvole e pistoni

fegati e polmoni

e quante belle biglie a rotolar

e quante belle triglie nel mar.

 

Vedi anche: La settimana della musica TLI: Maggio Giorno III

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi