Da donna a donna: la più dolce delle attese

Hai appena saputo di aspettare un bambino, l’hai tanto desiderato, quasi stenti a crederci, sei al settimo cielo, mille pensieri si offuscano nella mente.

Questo spazio è stato creato con l’intenzione di raccontare momenti di quotidianità delle donne, “una rubrica” dove ognuna possa trovare consigli e suggerimenti utili per vivere con serenità alcune tappe importanti della vita, come in questo primo numero “la più dolce delle attese”.

Mi chiamo Serena, ho 34 anni e sono la mamma del piccolo Emmanuel.

In principio Dio creò il cielo e la terra, la terra era informe e deserta. No, scherzavo! Non è di questo principio che voglio parlarvi, ma di quei nove mesi di bellezza ed agonia chiamati gravidanza.

Sappiamo tutti che questo è uno dei momenti più delicati per una donna, portare dentro di sé una vita umana, è la sensazione più bella che si possa provare.

Capita spesso che la donna per tutto il periodo della gravidanza, si senta al centro dell’attenzione, coccolata, straviziata, un continuo assecondare da parte di chi la circonda, un po’ come se fosse una Dea, dove tutti pendono dalle sue labbra, mia cara Afrodite, scansati.

Ma ahinoi, non è solo questo!

Primo trimestre 1-3 mesi: nausea e vomito ti accompagneranno per un bel po’, ricordate l’odore del caffè al mattino, quell’aroma tanto desiderato? Beh, quello sarà uno dei vostri nemici!

Ricordate! Ciò che prima era buono, da questo momento non lo sarà più, e viceversa, ciò che prima non mangiavate neanche sotto tortura, potrà sembrarvi la cosa più appetitosa di questo mondo.

I vostri pensieri saranno esclusivamente rivolti al futuro nascituro, chissà come sarà, sarà un maschietto o una femminuccia, assomiglierà alla sua mamma o al suo papà. I vostri seni inizieranno ad ingrossarsi, due missili quasi pronti ad esplodere. Wow, pazzesco. Mai avute delle tette così grosse! Ma al posto vostro, non gioirei così presto, perché faranno male, tanto male!

Secondo trimestre 3-6 mesi: Attenzione ai kg di troppo! Dopo le abbuffate iniziali, dovrai darti una regolata, so che il senso di fame è tanta e non passa mai, ma se non presti attenzione adesso, la situazione potrebbe degenerare in un batter d’occhio!

Il primo pensiero di una donna è sfoggiare il suo pancino, è bellissimo indossare ciò che si vuole, senza tentare di nascondere quei kg in più.

Finalmente la nausea è passata, ma faremo amicizia con un’acidità di stomaco mai provata prima, per la quale necessiteremo di un estintore h24 per placarla. Benvenuta, mia nuova amica!

Il portafoglio inizia la sua brutale caduta, compri di tutto, questo potrà servirmi, questo è molto carino, toh, guarda che bello quel bodino! Ne avrò altri mille a casa, ma questo qui è veramente indispensabile.

Terzo trimestre 6-9 mesi: Ormai sei in piena fase ormonale, oggi odi tuo marito, domani sarà l’uomo perfetto al mondo.

Qualsiasi cosa fai, sarà faticoso, allacciarsi le scarpe e mettere un reggiseno sembreranno missioni impossibili. La tua pancia è ormai lievitata, i tuoi fianchi altrettanto.

Vuoi dormire “datemi un cuscino, ho bisogno di un cuscino” se non fosse per il fatto che si fa pipì ogni cinque minuti, dormiresti fino all’infinito. Chissà quando è stata l’ultima volta che ho dormito!

L’ultimo mese è interminabile, non passa più. Ogni giorno sembra un’eternità.

Sei proprio stanca, inizi a pensare al parto, hai paura ma vuoi terribilmente vedere il tuo bambino.

Hai già tutto pronto, cameretta, borsa per il ricovero, visitato il reparto maternità, hai già letto di tutto su come sarà quel momento, hai terminato il corso pre-parto, sei diventata un’esperta sulla respirazione, manca solo lui.

Adesso, non ti resta che aspettare e goderti gli ultimi giorni, sola tu e il tuo bambino. Sarai pronta a condividerlo con gli altri?

 

 

Serena Tizzano

Disegno di Sonia Giampaolo

Leggi tutto nella nostra sezione Rubriche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi