Diario di una quarantena: L’attesa della videochiamata

Un progetto che comprende una visione quotidiana di una vita a tratti solitaria e silenziosa, a tratti alienante.

Quasi quotidianamente ci dicono che entreremo nei libri di storia, ma per il momento nell’incubo ci siamo così dentro che della fine del tunnel e della gloria proprio non importa, non riusciamo a venirne fuori neanche con la fantasia.

“Diario di una quarantena” è cupo, forse fin troppo semplice e poco ricercato.

Ma le emozioni che lo accompagnano non sono delle più spensierate, sono emozioni crude.

Le mie, mentre annaspo tentando di non affogare.

Valeria Gentile

Vedi anche: Diario di una quarantena: Assenza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi