Giornata Mondiale del Teatro

Quanti sanno che il 27 marzo ricorre la Giornata Mondiale del Teatro? E quanti sanno come è nata?

Iniziò nel 1961, a Vienna, durante il Congresso dell’Istituto Internazionale del Teatro.

Fu su iniziativa del drammaturgo finlandese Arvi Kivimaa, e l’idea piacque talmente tanto che l’anno successivo si celebrò già la prima ricorrenza.

Tra i vari scopi, c’è quello “di incoraggiare gli scambi internazionali nel campo della conoscenza e della pratica delle Arti della Scena, stimolare la creazione ed allargare la cooperazione tra le persone di teatro, sensibilizzare l’opinione pubblica alla presa in considerazione della creazione artistica nel campo dello sviluppo, approfondire la comprensione reciproca per partecipare al rafforzamento della pace e dell’amicizia tra i popoli, associarsi alla difesa degli ideali e degli scopi definiti dall’U.N.E.S.C.O.”

Ogni anno una personalità di questo mondo pubblica un “messaggio internazionale”: il primo fu Jean Cocteau, ma possiamo ricordare Judy Dench, Augusto Boal, e anche il nostro compianto Dario Fo.

Per chi ama e segue il teatro, come me, sa che purtroppo oggi è un’arte non pienamente valorizzata, alcune volte oserei dire snobbata, ancora non si riesce a recepire la sua piena potenzialità.

Il teatro non è la recita…è molto di più. Il teatro è una fonte continua di nutrimento per la propria anima e per il proprio cuore.

Il teatro è vita. Ed è giusto che tutto il mondo se lo ricordi.

 

Buon compleanno!

 

Francesco Siliberto

Guarda anche Arrivederci Sud

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi