E chi se ne frega dei paradossi temporali, io ti amo

Di film e libri che parlano d’amore ce ne sono infiniti, di film e libri che raccontano l’amore che vince anche sul tempo ce ne sono un po’ meno. Ecco allora le 5 più belle storie che raccontano la lotta tra amore e tempo e dell’amore che se ne è fregato dei paradossi temporali e ha vinto anche su quelli.

Ah… che bello l’amore, il primo ti amo, i baci al tramonto, la prima volta che ci si prende per mano, l’emozione di vedere due occhi che ti guardano come se fossi la cosa più bella del mondo. Ma certe volte qualcosa va storto e non sempre fila tutto liscio come vorremmo: delle volte l’amore finisce, delle altre qualcuno vi sta contro, delle volte invece il problema è ancora più complicato, potrebbe capitare ad esempio che uno dei due abbia viaggiato nel tempo e se restasse per amore potrebbe causare un gran bel grosso paradosso temporale.

  1. Doc e Clara in Ritorno al futuro III

Emmet salva Clara e teme fin da subito di aver seriamente modificato la storia, invece ha cambiato solo il nome di un burrone e tutto il resto della sua vita. Sì, la sua vita, perché scegliere di fermarsi centotrenta anni prima rispetto all’anno in cui si è nati e dopo aver visto il futuro straordinario in cui sarebbe potuto rimanere, non è certo cosa da poco. Ma l’amore è amore.

E poi, alla fin fine, visto che nessuno può tenere a freno uno scienziato, soprattutto con accanto l’amore vero che crede in lui, viaggiare nel tempo mano per mano diventa possibile anche nel vecchio west.

  1. Jacob e Emma in Miss Peregrine – la casa dei ragazzi speciali

La storia d’amore tra Jacob e Emma è una ship nascosta dietro ad una storia esageratamente più grande di loro, dietro al dolore dopo la morte di un caro e dietro alla scoperta di un potere indescrivibile, dopo una vita passata a essere zero. Però ad immaginarli insieme si inizia da subito, prima ancora del loro incontro, già da quando il piccolo Jacob chiede al nonno di raccontargli ancora una volta di come Emma sapeva volare e delle sue scarpe di piombo per farla reggere a terra: senza mai averla vista, già era la sua preferita.

Tu non hai idea di quanto tempo ci ho messo per arrivare fin qui, perché lei lontana da lui c’era stata pochi minuti ma lui senza di lei ne aveva passate tante. Però anche questa volta l’amore è stato più forte del tempo.

  1. Alex e Kate in La casa sul lago del tempo

Questa è una storia strana, non ci sono macchine del tempo e nemmeno anelli temporali nei quali passare attraverso, ma esiste un lago e su questo lago è stata costruita una splendida casa, completamente ignari del potere magico che quella distesa d’acqua possedeva. La casa è abitata da due persone, un uomo ed una donna, Alex e Kate: due persone, una casa e due diversi periodi temporali.

A distanza di due anni l’uno dall’altra e tramite un sublime scambio di dolci lettere riescono a comunicare. Nasce così l’amore, in mezzo alle righe di quell’epistolare, si trova modo di incontrarsi, ma qualcosa va storto.

Ed è solo grazie alla magia di quel lago, che Kate riesce a salvare la vita di quell’amore che sembrava essere andato perso per sempre, capace di vincere anche su un destino che aveva dimostrato loro come l’amore sia la forza più potente che esista.

  1. Henry e Clare in La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo

Henry è malato, malato a tal punto da poter viaggiare nel tempo con il solo aiuto della sua immaginazione e del suo subconscio. A volta viaggiare e vedere cosa accadrà dopo e cosa è accaduto prima può sembrare un privilegio, delle altre è una condanna dalla quale vorresti solo fuggire. Dopo un dei suoi viaggi, l’uomo torna a morire tra le braccia della sua amata Clare, rassicurandola di sapere con assoluta certezza che un giorno si rivedranno.

Lui lo sa, perché l’aveva visto e lei gli crede, perché lo ama. E così l’amore ha di nuovo vinto la morte e il tempo, che alla fin fine sono due parole che viaggiano a braccetto.

  1. Elliott e Ilena in Chi ama torna sempre indietro

Elliott è un chirurgo ormai anziano, che di una sola cosa non si è mai perdonato: aver causato la morte dell’unica donna della sua vita. Un giorno riceve un dono, un premio per le sue volontà professionali: dieci pillole magiche che, una volta ingoiate, possono riportarlo indietro di trent’anni. Lui poco ci crede, ma alla fine scopre che è davvero possibile. Nel corso dei dieci incontri, dove il protagonista tenta di salvare sia l’amore della sua vita che sua figlia Angie, avuta da un’altra donna, il giovane e il vecchio Elliott lavorano insieme per far andare tutto per il verso giusto. Il segreto che Guillaume Musso nasconde dietro questo breve romanzo è piccolo ma talmente profondo da poter raggiungere il centro del mondo: non si deve amare come se si avesse tutta la vita davanti, perché purtroppo i viaggi nel tempo per tornare indietro a riparare i propri errori ancora non sono stati inventati. E anche se Elliott è riuscito a salvare la sua Ilena, nella vita reale potrebbe non essere così semplice.

E voi, conoscevate qualcuna di queste storie? Qual è la vostra preferita? Oppure ne conoscete altre, dove l’amore ha vinto anche sui paradossi temporali?

Martina Casentini

Leggi anche: Il pensiero positivo in psicologia