Non confondiamo la lana con la seta

Prendiamo un maglione di lana, di quelli che pungono: caldo, morbido, elastico. Ora prendiamo una camicia di seta: fredda, liscia, scivolosa.

Cosa cambia tra lana e seta? Perché possiamo tirare un maglione senza che si sformi, mentre la camicia di seta è così delicata e si strappa facilmente?

Il motivo è da ricercare nella struttura delle proteine che le compongono. Infatti, queste sono strutturalmente differenti, e proprio queste differenze sono alla base delle caratteristiche opposte dei due filati.

Le proteine della lana sono prevalentemente α-cheratine: la catena amminoacidica è avvolta a formare un’elica, che al pari di una molla può allungarsi per poi riacquisire la sua conformazione quando la tensione alle estremità è eliminata; l’elasticità è dovuta alle deboli interazioni che si instaurano tra i residui, che sommati permettono di stabilizzare fermamente la struttura. Tale proprietà è persa in acqua: le molecole di acqua infatti interagiscono con i residui formandovi legami; questo comporta che i suddetti residui non sono più disponibili per legarsi tra loro, portando alla perdita di elasticità. Per questo è importante prestare attenzione durante il lavaggio dei capi in lana, specie nell’utilizzo dell’acqua calda: il calore infatti denatura le α-cheratine, ovvero fa perdere la struttura tipica per cui le proteine non sono più capaci di adempiere al loro ruolo e il maglione diventa formato orsacchiotto di peluche.

La seta invece è composta prevalentemente da fibroina, una proteina che si impacchetta parallelamente a formare una struttura planare, in contrapposizione all’avvolgimento lungo un asse longitudinale tipico delle α-cheratine; i residui delle catene laterali sono posizionati sopra e sotto il foglietto, formando dei legami deboli che conferiscono resistenza alla struttura. È facilmente intuibile la rigidità di questa disposizione, specie se paragonata alle α-cheratine: se applichiamo una tensione oppure tiriamo le estremità causeremo la rottura dei legami che tengono unite le catene. Tale rottura è irreversibile: è impossibile infatti riformare gli stessi legami che abbiamo appena rotto, anche modificando le condizioni al contorno delle proteine, cioè ripristinando quelle condizioni che hanno favorito la strutturazione della seta.

È proprio la struttura a foglietto che rende la seta scivolosa al tatto e lucida, mentre le α-cheratine, al contrario, donano alla lana un aspetto spettinato e aggrovigliato: non a caso la lana pettinata è un filato pregiato, dal momento che richiede una particolare lavorazione per “ordinare” i residui delle catene amminoacidiche restituendo un prodotto decisamente più soffice rispetto all’ispida peluria che ricopre le pecore prima della tosatura.

 

Marta Maresca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi