La senti questa puzza? Sì, è fame

Il napoletano è una lingua fantastica; riesce ad esprimere in semplici parole anche concetti che riguardano l’anatomia umana e la sua fisiologia.

Ad esempio, sapevate che il modo di dire “Me puzz ‘e famm” non è del tutto casuale? Scopriamo il perché.

Il corpo umano, durante il digiuno e dopo aver consumato le proprie riserve di carboidrati, comincia a catabolizzare acidi grassi di riserva, ed è in questo processo che si producono i cosiddetti corpi chetonici: acetoacetato, l’acido β-idrossibutirrico ed acetone.

L’ultimo della simpatica triade è di natura gassosa e viene eliminato attraverso l’espirazione, ovvero attraverso l’alito causando alitosi.

Lavarsi costantemente i denti fa bene sia per te che per gli altri, ma bisogna associarlo a pasti consumati regolarmente, altrimenti il vostro puzzare di fame si sentirà da mille miglia.

 

Disegno di Alessandro Mastroserio

 

Leggi anche: “Pa’ regin’”: la curiosa etimologia della pizza “parigina”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi