La settimana della musica TLI: Dicembre – Giorno IV

Giorno IV: Quanno me ne so juto Co’Sang


Sì, ho capito, stai pensando: ma bell’ e buon?
Sì, perché quando finirai di leggere questa rubrica pensarraj “C peccat a nun ‘o rà fiduc“.

Sono passati già 7 lunghissimi anni da quando lo storico duo dei Co’Sang, formato da Ntò e Luché, si è ufficialmente sciolto dopo un freddo post su Facebook.
Basta fare un giro per le strade di Napoli, o in Provincia, o nei club, ma anche nelle case, di giorno e di notte: le parole dei Co’Sang sono ancora vox populi di una popolazione che prima di loro non aveva una vox hip-hop internazionale.

Ahh, quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia! Quante cose belle ci accadono da giovani! Quante avventure, esperienze, delusioni e… se volete continuo ancora con tanti altri luoghi comuni.
La gioventù descritta dalla Disney è carina, graziosa, ma vuoi metterla con la realistica crudezza della storia di Quanno Me Ne So Juto?
Non starò certamente qui a spiegarvi tutte le barre, ma non ci vuole un filologo per comprendere la storia di una coppia innamorata corrotta dal tempo, la fame e un bambino inaspettato.

Il resto è storia, della musica ovviamente.

Testo:

I think i’m gonna cry…

Facev part re tant spensierat figl ra strad
insult lampd neo patentat e maj asciut a napl
sunnav a’mmerc e aspttav a rumenc pe bullett
inesperienz e strafuttenz e chi s crer ribell
tu ir femmn cresciut c’u’ diviet r’ascì
pront a figl e sacrific manicure e panific
e patet nun t’ha vist crescer galer e latitanz
è p chest ca fai a’mmor a tant ann cu prim ca t’ tuccaj
e ì t’aspettav 6 isolat chiù annanz
u sess er senza preliminar, sul penetrazion
quas dulor, alluccann fort contr a repression
ra femminilità ca tien chius n’cuorp
a classica wajona ca annasconde a passion
e surris a vogl e leggr
a relazion e crescer ma nun m fidav
e nun c crerev nun t’agg mai parlat e music
nè i desiderj chius ind a quatt quadern
per e compless e n’adolescent
addò criscev è nu clichè e po o caratter nun s scegl
e m’arricord chillu iuorn ca mentist
annascundist o’ fierr da e uardij ind a sabbij e l’acquarij
e chiagnist a tant e lacrim n’terr o’ spidal
o wajon tuoj quatt buc ind e carn frutt e nu conflitt a fuoc
ì pensaj e mettett a fuoc o futur
e sacc ca mo crisc a nu criatur e chell nun er a vit ‘p me

Famm parlà e ‘sta favol
nu lavor a vol vogl ind e lenzol
cercav i sta chiù avet na cas a via petrarc cu doj entrat
o’ mar ind e vetrat a varc
all’intrasatt è rutt o patt nun è spartut o piatt
anzian dint a zon ricen ca ta fai a rom
scenn p l’aragost ind e salott buon
set no cutton iesc co duttor
nu tuorn pcchè n’hai abbastanz r’ambulanz
rusarj, campusant
nun accusavn tutt quant nun sai ca aropp o guaij a vit nun è ugual?
t vuò spusà? tu vuò luà?
ind a qual alberg vuò iucà a perder a pecor pe uapp?
t uard ra vicin e capisc
si na bugij pi cosc lisc e o smalt ngopp all’ogn
ca s mbruscin pa barb s pogn
bon pe mbruogl insicur innanzitutt
pinz e tupp jeans stritt top curt muss russ
nient a verè sti vrenzl c pensan
senza rispiett e disprezz po silenzij
chi s priv s disper iett e compliment
ì m’applic ma m’opprim a convivenz
o’ progett e t protegger er p te na coincidenz
to diciett c’ l’ammor nun s curregg si è custrett
e a tristezz nun s cur co curred o co e carezz
sì indecis? chiur o cellular, nun dà rett

I think i’m gonna cry…

Si vuò nu legam ca è cecat
se l’inciuc a vò semp vinciut
“C peccat a nun ‘o rà fiduc”
penseraj quann me ne so juto


Video:

 

 

Continua ad ascoltare la playlist di Antonio Alaia, clicca qui per ascoltare i consigli:

La settimana della musica TLI: Dicembre Giorno III

La settimana della musica TLI: Dicembre Giorno II

La settimana della musica TLI: Dicembre Giorno I

 

Grafica a cura di Luca Casadio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi