Come fare: pancakes light

C’è un meccanismo subdolo e perverso che ci impone, più o meno inconsapevolmente, di cercare surrogati vegetariani alle carni, di trasformare in salato ciò che è dolce, di scomporre e rielaborare in infinite declinazioni piatti con una loro tradizione e una loro storia e, infine, di rendere light delle porcate abominevoli. Questo meccanismo potrebbe essere chiamato rivisitazione, sperimentalismo, creatività: io lo chiamo pura e semplice ipocrisia.

Quella sana e conclamata ipocrisia che, durante una crisi d’astinenza da carboidrati, ti porta, in preda all’allucinazione, a cercare ricette light di torte al cioccolato, surrogati dietetici di bignè alla crema e tutto ciò che ti possa traghettare fuori dalla crisi senza grandi sensi di colpa. Se poi la tua crisi d’astinenza da carboidrati deve essere conciliata, non solo con esigenze di natura  calorica, ma anche con una certa penuria di capacità culinarie e di beni di prima necessità in dispensa, allora quello che resta da fare è rintracciare su internet qualcosa di incredibilmente basic ma al contempo gustoso come i pancakes light.

La ricetta dei pancakes, così come a loro preparazione, è in realtà molto semplice e rapida: gli ingredienti base dei pancakes sono uova, latte, farina, burro, zucchero e lievito. I trucchi per rendere questa ricetta light sono vari: emendare dalla ricetta gli ingredienti più calorici come burro, latte e uova, sostituirli con ingredienti che abbiano la stessa funzione ma un minore apporto calorico, preferire alla farina 00 farine meno raffinate.

Il latte è l’elemento liquido della ricetta che serve ad amalgamare le polveri e a dare sapore. Questo può essere, però, sostituito dall’acqua che chiaramente non apporta calorie alla ricetta ma renderà il sapore dei pancakes meno rotondo.

Il burro, come in ogni preparazione light, viene egregiamente sostituito da un grasso vegetale, preferibilmente un olio di semi.

Le uova: soppiantati latte e burro, si apre la spinosa questione dell’uovo. Eliminare l’uovo dalla preparazione potrebbe essere un problema: l’uovo infatti è quello che dà elasticità alla preparazione e fa da agglutinante tra gli ingredienti. Eliminare l’uovo, quindi, significa dover miscelare con precisione svizzera e con una cura maniacale i restanti ingredienti in modo da creare un impasto che abbia la giusta elasticità. In alternativa, è possibile anche utilizzare i soli albumi, molto meno grassi dei tuorli, per pancakes proteici e dietetici allo stesso tempo.

La farina: è bene preferire farine integrali, quindi meno raffinate o anche farine a basso indice glicemico come quelle di kamut, mais, avena.

(Per saperne di più sulle farine a basso indice glicemico ti consigliamo questo articolo: https://www.ideegreen.it/farine-a-basso-indice-glicemico-107613.html)

Il lievito: si tratta di un lievito istantaneo per dolci. Questo non può essere sostituito, ma al massimo ridotto nelle quantità e accompagnato da un pizzico di bicarbonato di sodio. Il lievito istantaneo reagisce a contatto con l’acqua e permette la lievitazione istantanea dei pancakes, motivo per il quale il preparato deve essere immediatamente messo in cottura e non può essere conservato a lungo.

Lo zucchero: può anche essere eliminato dalla preparazione per dei pancakes dal sapore neutro, che potranno essere così utilizzati per ricette dolci o salate. Nel caso in cui si sentisse la necessità di dolcificare l’impasto, lo zucchero bianco potrà essere sostituito da zuccheri meno raffinati come lo zucchero di canna o quello integrale, che daranno all’impasto un colore bruno.

Qualunque tipo di preparazione voi scegliate può essere aromatizzata in diversi modi con ingredienti come la buccia di limone o arancia, estratti alla vaniglia, cannella.

Ecco, allora, qualche ricetta per dei pancakes light, con dosi per 4-5 persone.

  • Pancakes senza latte e senza uova: 150 g di farina 00, 50 g di zucchero, 200 g di acqua, 2 cucchiaini di olio d’oliva, 1 pizzico di sale, 1 cucchiaino colmo di lievito per dolci.
  • Pancakes integrali: 100 g di farina integrale, un vasetto di yogurt bianco light, 2 albumi, 1 cucchiaio raso di zucchero di canna , 1 cucchiaino di lievito per dolci, un pizzico di sale.
  • Pancakes vegani: 100 gr farina integrale, 150 ml latte di riso, 1 cucchiaio di zucchero di canna, 1 cucchiaino scarso di olio, 1 cucchiaino di lievito per dolci.
  • Pancakes proteici: 150 g di albumi, 60 g di yogurt greco magro (naturale o del gusto che preferite), 40 g farina di avena (o farine senza glutine se necessario), 1 pizzico di bicarbonato, 1 cucchiaino di succo di limone, qb latte o acqua (solo se necessario).

I pancakes hanno una cottura molto veloce: versate un mestolo di preparato in una padella antiaderente o unta con un velo d’olio, ben riscaldata. Quando il preparato si è riempito di bolle in superficie è pronto per essere girato. Basterà, allora, attendere che entrambi i lati siano di colore bruno e il pancake è pronto. Chiaramente i pancake potranno essere conditi con i topping più vari: miele, sciroppo d’acero, frutta fresca o secca, riduzioni di frutta, creme spalmabili.

Per concludere, mi sento di precisare è che optare per un topping ipercalorico avrà vanificato totalmente i vostri e i miei sforzi!!!

 

 

Valentina Siano

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi