I due calendari cinesi che non coincidono: è bizzarro o geniale?

Le curiosità che riguardano i popoli asiatici non finiranno mai di stupirci, ma soprattutto finiranno mai?

Oggi parleremo di calendari, voi lo sapevate che ne hanno ben due? E che… non coincidono? Che confusione!

Potrà sembrare strano e assurdo ma è così: abbiamo il calendario lunare e il calendario gregoriano.

Il primo è il più antico, risalente alla dinastia cinese degli Xia (XXI-XXV secolo a.C.), è considerato il calendario tradizionale, grazie al quale regolano le loro festività. Questo cambia ogni anno in quanto dettato dai movimenti della Luna e dalla rotazione della Terra attorno al Sole.

Il secondo, uguale a quello occidentale, è quello ufficiale e scandisce normalmente giorni, mesi ed anni. Fu acquisito insieme alla nascita della Repubblica cinese nel 1912.

Il calendario lunare sul quale noi ci concentreremo è quello cinese, usato però anche in paesi come Tibet, Giappone e Corea. Attualmente in Cina, nel calendario gregoriano, i nomi dei mesi sono formati dall’accostamento di numeri da 1 a 12, e dal carattere 月 yuè, che significa “mese”. Quindi, per rendere bene l’idea, i loro nomi saranno:

一月 yī yuè, mese uno, gennaio;

五月 wŭ yuè, mese cinque, maggio;

七月 qī yuè, mese sette, luglio;

十月 shí yué, mese dieci, ottobre; e così via.

Al contrario, nel calendario lunare, i mesi hanno dei veri e propri nomi che derivano da eventi particolari che succedono in quel determinato periodo, ovvero:

  1. 正月 Zhēngyuè, mese iniziale;
  2. 杏月 Xìngyuè, mese dell’albicocco;
  3. 桃月 Táoyuè, mese del pesco;
  4. 槐月 Huáiyuè, mese del corrubo;
  5. 蒲月 Púyuè, mese della carice;
  6. 荷月 Héyuè, mese del loto;
  7. 巧月 Qiǎoyuè, mese dell’abilità;
  8. 桂月 Guìyuè, mese dell’osmanto;
  9. 菊月 Júyuè, mese del crisantemo;
  10. 阳月 Yángyuè, mese Yang;
  11. 冬月 Dōngyuè, mese d’inverno;
  12. 腊月 Làyuè, mese delle conserve.

Molti di questi prendono il nome da alberi, frutti e fiori, in quanto durante quel determinato mese avviene la fioritura, come ad esempio il 2, 3, 4, 6, 8, 9; i rimanenti invece:

1, 正月 Zhēngyuè, è chiamato mese iniziale perché è il primo del nuovo anno lunare, e corrisponde alla Festa di Primavera, meglio conosciuta come Capodanno Cinese (tra gennaio e febbraio): una delle più importanti insieme alla Festa di metà Autunno, o Festa della Luna (tra settembre e ottobre, per saperne di più leggi l’articolo dedicato “L’amore immortale”);

5, 蒲月 Púyuè, è il mese della carice perché determina una festività speciale che si celebra il quinto giorno del quinto mese, chiamata “Festa delle Barche Drago”. Per tradizione durante questo giorno si mangia la carice dolce affinché possa allontanare tutte le presenze maligne;

7, 巧月 Qiǎoyuè, è il mese delle abilità semplicemente perché le donne dovevano mostrare le loro abilità domestiche;

10, 阳月 Yángyuè, è chiamato mese Yang in quanto le antiche credenze taoiste affermano che l’energia yang è più forte rispetto agli altri periodi dell’anno;

11, 冬月 Dōngyuè, è il mese d’inverno perché avviene il solstizio d’inverno, si verifica infatti il giorno più corto dell’anno (di solito intorno al 20 dicembre);

12, infine, 腊月 Làyuè, è chiamato mese delle conserve perché è l’ultimo mese che precede il nuovo anno, si iniziano quindi a conservare carne e provviste per la grande festa del Capodanno Cinese.

Un’altra cosa bizzarra, oltre a denominare i mesi con nomi ispirati da fiori, frutta, o eventi che accadono in quei giorni, è il fatto che dedicano ogni anno, secondo un ordine preciso, a un animale diverso: questo accade perché gli animali formano lo zodiaco cinese, molto differente da quello che noi occidentali conosciamo! (per saperne di più, leggi l’articolo “Buon anno del maiale!” )

 

Teresa Labriola

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi