Il mio primo amore si chiama Pino Daniele

Avrete già letto tanto di Pino Daniele, perciò non starò qui ad annoiarvi raccontandovi della sua vita, per questo c’è Google. Queste parole che oggi dedico a lui non sono teoriche, ma una vera e propria lettera d’amore.

Caro Pino,

non so dirti questo amore per te quando è nato, nemmeno quando – con precisione – ho ascoltato la prima canzone, probabilmente ero ancora nel pancione di mamma. Sai, ho ereditato, nel mio apparato genetico, questa passione dolce-amara, tutto grazie al mio papà.

Praticamente non so dirti proprio nulla.

Tranne che io non ho mai potuto fare a meno di te.

Mai.

Sei stato tra quelli che hanno segnato la mia infanzia, la mia adolescenza e tuttora, a ventitré anni suonati, di questo amore viscerale non voglio liberarmene.

Ricordo con precisione esatta tutte le volte che in macchina nello stereo – con me e papà – cantavi. Sulla 268, lo sfrecciare delle macchine, la strada che accorciava i tempi tra il paese in cui dovevo vivere e la città che ho sempre amato.

Je sto vicino a te

Pe’ nun piglià cadute

Je sto sempe cu te

‘Ncoppa ‘a sagliuta

Je sto vicino a te

E ciento strilla attuorno

Nun me fanno sentì

Si staje scetata o duorme

Tu e Napoli, sempre per me avete significato la libertà e la spensieratezza.

Con gli anni poi si matura e nelle mie playlist sono aumentate le tue canzoni, tanto che posso affermare con assoluta certezza di aver ascoltato tutto, ormai.

Trovi sempre le parole giuste, nel momento giusto, il migliore amico di sempre, quello che mai mi lascerà.

Una cosa andava storta e tu eri sempre lì nelle mie orecchie, lì pronto a tirarmi su di morale.

Che cos’è questa tristezza

ma chedè sta musciaria

sarà il tempo o l’aria strana

o è sulo ‘a capa mia.

Che cos’è questa tristezza

nun da’ retta sient’a mme

pare brutto annanze’a ggente

ride ride ride

nun fa abbedè.

E invece no

ridiamoci sopra un po’

‘na scarpa si ‘na scarpa no

le perdo sempre

e non so dove cercare.

E invece no

ridiamoci sopra un po’

‘na scarpa si ‘na scarpa no

come in un film di Charlot.

Un giorno in Vesuviana una ragazza mi chiese come facessi ad essere sempre così sorridente, io le passai le cuffiette. Era il periodo delle elezioni universitarie, ed io non potevo proprio far a meno di ascoltare questa canzone.

E pruove a vedè’ cu dint’a ll’uocchie ‘o sole

e c’o cazone rutto a parlà’ ‘e Rivoluzione.

E cride ancora,

cride ancora…

E pruove a vedè’ chi t’ha attaccato ‘e ‘mmane

e nun te può girà’ pecchè te fanno male.

E cride ancora,

cride ancora…

Adrenalina pure, stupefacente vivo, questo sei per me, causa della mia felicità.

Sai, spesso i miei amici, le persone che mi conoscono da tanto, ma anche chi fondamentalmente mi sta conoscendo da poco, quando sentono un tuo pezzo in radio mi contattano per dirmi che mi hanno pensata. Io sorrido e credo che sia proprio per questo che il mio amore per te non finirà mai.

La tua musica, le tue parole, non sono solo state compagne di vita o viaggio, sono state ideologie comuni, spalla su cui poggiarmi, forza con la quale lottare.

Tu, sempre tu, con me.

Cantando, a squarciagola…

Chiove ‘ncoppa a ‘sti palazze scure

‘Ncoppa ‘e mure fracete d’a casa mia

Tutt’attuorno l’aria addora ‘e ‘nfuso

Chi song’io

Ce cammine ‘mmiezo ‘a via

Parlanno ‘e libertà

Stà durmenno senza tiempo

‘Nu ricordo ca nun penzo cchiù

Ma che succede io sto’ chiagnenno

Penzanno a ‘o tiempo ca se ne va

E cammine ‘mmiezo ‘a via

Parlanno ‘e libertà.

Lascio al vento queste parole, con le lacrime sul volto e la musica nel cuore.

 

Federica Auricchio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi