La triste storia della filastrocca “Giro giro tondo”

Quella che recitavamo con gioia e spensieratezza in cerchio con altri bambini, per poi cascare tutti allegramente sul pavimento, è una filastrocca di morte e sopravvivenza nata in Inghilterra nel 1665, durante la violenta epidemia di peste.

La sua versione originale parla di petali di rose racchiusi in apposti sacchetti legati al collo, donati ai bambini per poter coprire, con il profumo dei fiori, il tanfo dei cadaveri putrefatti che marcivano agli angoli delle strade. Il “We all fall down” finale si riferisce alla tragedia del morbo, per cui tutti sono “caduti” nel baratro della morte.

 

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi