Luciano De Crescenzo, il ricordo dell’ultimo uomo d’amore

Ha fermato il momento.

Come se “stessimo volando intorno alla Terra in senso contrario al suo movimento e con la stessa velocità”.

È trascorso un mese dalla scomparsa di Luciano De Crescenzo, eppure il tempo sembra fermo a quel “32 dicembre”. Era riuscito ad allargare la vita, il professor Bellavista, vivendola appieno: da ingegnere a scrittore, da attore a profondo conoscitore dell’essere umano e dei suoi problemi quotidiani. Descrivendo Napoli come pochi, verrà ricordato per sempre come uomo d’amore che tanto mancherà.

Il lascito di De Crescenzo è immenso, più di quanto probabilmente riusciamo ad apprezzare. Ed è in questo giorno particolare che vogliamo ricordarlo con il sorriso, così come avrebbe voluto.

Simone Passaro

 

Leggi anche:

De Crescenzo: il filosofo della “napolitudine”

Permettete un pensiero poetico su Bellavista?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi