Cuore di carciofo

Sei sempre stato semplice nel concepire metafore: avevo il cuore tenero come quello di un carciofo mi dicevi.

Le tue dita zozze possedevano tutta la sporcizia che di solito si insinua nelle pieghe dell’anima degli uomini.

Genuinità ridicola il mio ricordo, lo riconosco; ma in fondo sono solo un cuore di carciofo, nulla di più.

Oggi ne ho colto il primo, non potevo non pensarti.

 

Foto di Iolanda Pazzanese

Testo di Raffaele Iorio

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi