Il verso del pane

Che siate del nord o del sud Italia vi sfido a provare a mettere il pane a testa in giù durante un pranzo in famiglia. Di certo qualche nonna non esiterà a rimproverarvi e a bacchettarvi con la fidata cucchiarella. Ma perché?

Fin dall’antichità il pane ha avuto una grande importanza nella cultura italiana: è stato il cibo rifugio per milioni di persone e per questo ha assunto un velo di sacralità. Il pane viene, inoltre, spesso associato all’ostia e quindi al corpo di Cristo, per cui metterlo a testa in giù vorrebbe dire mancare di rispetto a Cristo stesso, oltre che essere di cattivo auspicio.

Un’altra spiegazione per questa usanza riguardo il pane a testa in giù, potrebbe provenire direttamente dalla Francia rivoluzionaria: pare infatti che durante la rivoluzione molti panettieri si rifiutassero di produrre cibo per i boia del re, fin quando un regio decreto li “convinse” a fare il contrario, pena la decapitazione. I panettieri decisero allora di produrre il pane per i boia con gli ingredienti peggiori e per differenziarlo da quello buono per la vendita, lo iniziarono a sistemare a testa in giù, come simbolo di astio e disprezzo.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi