Notte

Io ti vedo attraverso i miei quattro obbiettivi di ferro impolverato e tu non sai, che sei nello sguardo mio.

Ti guardo perché di guardarti ho bisogno, anche se di te ne ho abbastanza.

Perché tutti di te parlano e nelle loro ciarle tu sei elogiata e accusata.

Perché sei terra fertile di suoni, colori, parole, bellezza, sapori e sangue. E io non cerco quello, no. Se cercassi quello, i miei quattro obbiettivi non mi avrebbero rivelato la mano adunca di un albero che su di te si posa, come una vecchia strega di favola.

 

Didascalia di Alessandro Mastroserio

Foto di Valeria Gentile

https://youtu.be/dX3k_QDnzHE

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi