Sfera Ebbasta e altri capri espiatori di una società marcia

Quando leggerete questo messaggio sarà troppo tardi. Nel senso che Sfera Ebbasta sarà già un lontano ricordo di un fenomeno mediatico e voi sarete indaffarati a indignarvi per qualche altro povero cristo che i giornali avranno identificato come un mostro.
Ma il concetto sarà ancora lo stesso e questo articolo potrà ancora servirvi.

“Se i ragazzi si drogano è colpa dei comunisti” – 1950
“Se i ragazzi si drogano è per colpa degli hippie” –
1960
“Se i ragazzi si drogano è colpa del punk – rock e del grunge”  – 1990
“Se i ragazzi si drogano è per colpa dei rapper” –
2019

Cosa si evince da questo breve riepilogo dei mostri mediatici presentatici dagli anni ’50 ad oggi?
Semplice: “I ragazzi si drogano perché vogliono drogarsi, a prescindere da chi dà l’esempio e cosa va di moda”.
Oggi è Sfera Ebbasta, domani sarà qualcun altro.
In un mondo dominato da “perenni indignati” che attuano una politica puramente d’opposizione, siamo continuamente bombardati, mediaticamente parlando, di “bersagli” temporanei da odiare e criticare per il bene della società.
Sì sa, i temi della povertà, della delinquenza giovanile e dell’uso di stupefacenti sono da sempre argomenti ostici che dividono le varie fazioni politiche.

Ma, in un regime “d’opposizione” come il nostro, poco tempo e poca fatica si dedicano alle vere soluzioni, si preferisce trovare un capro espiatorio da immolare per attenuare i sensi di colpa nei confronti dei cittadini per welfare scadente e una situazione economica tragica.

Questo articolo è inutile. Non ha soluzioni, né proposte, o altro. Forse, conformandosi alla situazione politica attuale, è divenuto anch’esso uno sterile messaggio d’opposizione.
Ma voi vedetelo come un testimone, conservatelo per quando il mostro di Sfera Ebbasta sarà morto e la folla inferocita sarà alle calcagna di un’altra bestia.
Ricordatevi che se vostro figlio si sta drogando non dovete togliergli le cuffiette, vietargli di andare al cinema o spegnergli la console…dovete semplicemente schiaffeggiarlo.

Antonio Alaia

Leggi anche qualcosa in più sulla Trap cliccando qui

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi